Patologie

Annessite

annessite img

In questo articolo vi parliamo di un disturbo poco noto ai pazienti. È l’annessite. L’annessite consiste essenzialmente nell’infiammazione delle tube di Falloppio combinatamente alle ovaie. Si chiama annessite a causa della sua vicinanza all’utero, poiché sia le tube di Falloppio che le ovaie sono praticamente attaccate all’utero.

Cause

L’annessite è generalmente causata da un’infezione da batteri. La Chalamydia trachomatis è uno dei microrganismi più comunemente attribuiti all’infiammazione delle tube di Falloppio. Inoltre, gli streptococchi e la gardenerella vaginale sono anche altre due importanti fonti di infezione.

Pertanto, un microrganismo che genera infiammazione nella vagina e i cui agenti patogeni ascendono alle tube di Falloppio e alle ovaie, attraverso l’utero, genera facilmente una condizione di annessite.

Sintomi

I sintomi dell’annessite si manifestano sotto forma di dolore nella parte inferiore del ventre.

Per quanto riguarda l’intensità del dolore causato da questa malattia varia, come sempre, a seconda della donna. Ricorda che la soglia del dolore è impossibile da misurare e quindi anche da confrontare.

Bisogna distinguerla dalla Malattia Infiammatoria Pelvica in quanto questa rappresenta il propagarsi dello stato infiammatorio fino al peritoneo, cosa che nell’annessite semplice non è ancora accaduta.

A seconda della sua durata, intensità e sintomi, oggi possono essere diagnosticati 2 tipi di annessite.

Annessite acuta

Si manifesta con dolore intenso e forte nella zona addominale. Questo dolore è di solito accompagnato da febbre e una sensazione di disagio a livello addominale oltre che sistemico.

Annessite cronica

Si manifesta con un tipo di pressione nell’area delle ovaie e con della pesantezza sempre a livello addominale inferiore, molto simile ad un possibile dolore pre-mestruale.

Quando l’annessite diventa cronica? Di solito accade quando un gonfiore vaginale, ovarico o delle tube di Falloppio non viene trattato affatto o non trattato bene, in una prima fase d’esordio.

Quindi, se il tuo ginecologo stabilisce un trattamento efficace basato su antibiotici, fondamentalmente, e segui le sue raccomandazioni (come bere abbastanza acqua) le complicazioni possono essere evitate abbastanza probabilmente e si elimina il rischio che la patologia diventi cronica e ricorrente.

Trattamento

Come abbiamo appena accennato alcune righe sopra, il trattamento è fondamentalmente fatto di antibiotici che possono essere accompagnati da un analgesico per ridurre il quadro del dolore e un protettore gastrico per evitare problemi di stomaco dovuti all’assunzione di questi farmaci.

Solo nei casi più gravi, in cui l’infiammazione delle tube di Falloppio e delle ovaie non è ridotta, l’intervento chirurgico del paziente può essere necessario per pulire gli ascessi incapsulati o per rimuovere il pus accumulato nella cavità addominale.

Sebbene molte volte le donne siano riluttanti ad andare dal ginecologico a causa di un dolore, bisogna sapere che se l’annessite non viene trattata a tempo debito, questa condizione non solo può essere protratta nel tempo, ma può divenire complicata al punto da richiedere un intervento chirurgico.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.