Patologie

Bartolinite

bartolinite img

La bartolinite è innescata da un’infezione delle ghiandole di Bartolini, situate su ciascun lato dell’apertura vaginale. Sono due ghiandole simmetriche che sono collegate alla vagina attraverso un condotto situato tra l’imene e le piccole labbra. Le ghiandole secernono un muco chiaro e trasparente che funge da lubrificante.

Questa malattia può essere confusa con un ascesso di Bartolini, che è un accumulo di pus in una delle ghiandole. Il modo più appropriato di differenziare entrambi i casi è di tenere presente che in caso di ascesso, la ghiandola risulta ingrandita. Nel caso della bartolinite ci sono segni infiammatori intorno alla ghiandola, con febbre e dolore locale.

Possiamo distinguere due tipi di bartolinite.

  • Bartolinite causata da ostruzione, in cui il dotto che collega la ghiandola alla vagina è ostruito dall’accumulo di secrezioni. Questo tipo non è doloroso o mostra sintomi quando si verifica.
  • Bartolinite acuta infetta, in cui si ha un’infiammazione nell’area. Quando appare, di solito è necessario un intervento chirurgico per trattarla.

Questa infezione è la più frequente nella regione vulvare. Almeno il 2% delle donne presenterà una cisti delle ghiandole di Bartolini e il 3% avrà qualche malattia correlata a queste ghiandole almeno una volta nella vita. Appare normalmente nelle donne di età compresa tra 20 e 29 anni , con un profilo simile a quello delle persone che soffrono di un’infezione a trasmissione sessuale.

Cause

Le principali cause di bartolinite, secondo gli esperti, sono riconducibili a pochi elementi scatenanti.

Accumulo di liquidi

Specialmente in presenza di un’infezione o proliferazione della pelle che può ostruire l’apertura della ghiandola di Bartolini.

Batteri

Possono causare l’infezione di una cisti e facilitare l’accumulo di pus nella regione. Alcuni di questi causano infezioni a trasmissione sessuale, come la gonorrea o la clamidia e possono causare quindi l’insorgenza secondaria dell’infiammazione delle ghiandole.

Sintomi

Normalmente, le cisti di Bartolini non causano sintomi evidenti da subito. Se la cisti ha dimensioni ridotte, la persona che la possiede a malapena la nota. Se aumenta di dimensioni, può generare disagio alla donna perché noterebbe la sua presenza vicino all’apertura vaginale.

Una ghiandola ingrossata ha generalmente un volume tra uno e quattro centimetri. Se infetta, spiega Javier De la Torre, un membro del gruppo Malattie Infettive dell’ospedale Costa del Sol in Spagna e un membro del gruppo di studio sull’AIDS della Società Spagnola di Malattie Infettive e Microbiologia Clinica (GeSIDA) può causare febbre e dolore da medio a intenso durante i rapporti sessuali.

Prevenzione

È importante mantenere buone abitudini igieniche.

Non esiste un modo concreto per prevenire la bartolinite. Esperti come De la Torre, sottolineano l’importanza di rispettare buone norme igieniche nella regione interessata, oltre a prendere precauzioni nei rapporti sessuali, e condurre controlli frequenti per diagnosticare le infezioni a trasmissione sessuale.

Diagnosi

La diagnosi di questa malattia in casi non complicati viene effettuata scansionando e palpando l’area in cerca di un nodulo che può essere correlato alla presenza di bartolinite.

In alcuni casi, si raccomanda di prelevare campioni delle secrezioni vaginali della donna per valutare anche la presenza di infezioni a trasmissione sessuale. Soprattutto se si sospetta la malignità si consiglia di eseguire una biopsia dell’area per escludere altre cause.

Trattamento

La terapia che viene applicata al paziente con questa infezione dipenderà dalla condizione clinica manifestata, dalla sua evoluzione e dalle patologie associate. Nei casi in cui la bartolinite non mostra sintomi, di solito non richiede terapia tranne quando la paziente supera i 40 anni, perché aumenta la possibilità che sia maligna in questi casi.

Esistono alcuni rimedi casalinghi che possono essere utili per alleviare il disagio, come i bagni con acqua calda o applicare calore sulla zona interessata. In effetti, quando le cisti sono piccole, a volte, è sufficiente adottare questi metodi che li faranno rompere da soli e drenare il contenuto.

Gli analgesici possono anche essere assunti non appena il dolore-fastidio compania e, nei pazienti in cui l’ascesso è infetto, verranno usati anche antibiotici. In casi più complessi, in cui è presente un’ostruzione in uno dei dotti, può essere necessario un intervento chirurgico per drenare il contenuto dell’ascesso e impedire il ritorno dell’infezione. Tuttavia, il drenaggio dell’ascesso non elimina completamente l’infezione. Ciò fa sì che in alcuni casi sia necessario un trattamento più invasivo che potrebbe richiedere la rimozione della ghiandola di Bartolini colpita.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.