Cannabis

Differenze tra Cannabis Indica e Cannabis Sativa

differenze indica sativa

La differenza tra varietà di Cannabis Indica e Sativa è uno degli argomenti più comuni tra i fan della Cannabis in tutto il mondo.

Tuttavia, è un aspetto che non tutti comprendono perfettamente. Ci sono molte persone che credono che le differenze tra Indica e Sativa siano riconducibili a una sorta di effetto placebo che si instaura ogni volta che sappiamo di star consumando una specifica qualità di Cannabis.

In questo articolo vogliamo smentire questa credenza (costruita sul nulla) e spiegarvi quali siano le reali differenze tra queste due tipologie di Cannabis. Ovviamente, non ci soffermiamo sul fatto che esistano anche altre varietà della pianta di Canapa, come la Ruderalis, che tuttavia tratteremo in un articolo a parte.

Storia della classificazione

Carlos Linneo, un botanico, fisico e zoologo svedese che ha ideato il moderno sistema di classificazione e denominazione degli organismi, ha classificato la Cannabis per la prima volta nel 1753.

Attualmente, gli esperti stanno ancora discutendo su come classificare correttamente questa pianta.

Alcuni suggeriscono che la Cannabis può essere classificata in tre diverse specie (come detto poco sopra, Cannabis Indica, Cannabis Sativa e Cannabis Ruderalis) mentre altri sottolineano che tutte le varietà dovrebbero essere considerate come una sottospecie della stessa specie: ossia della Cannabis Sativa.

Per questo articolo considereremo che la prima teoria è corretta e che la Cannabis può essere suddivisa in tre diverse specie.

Il primo, Cannabis Sativa, può essere diviso in due sottospecie: Cannabis Sativa e Cannabis Sativa L., la prima produce grandi concentrazioni di THC, il composto psicoattivo della Marijuana, mentre la seconda no, quindi è normalmente nota come Canapa “e basta” ed è principalmente dedicata alle applicazioni industriali.

La Cannabis Indica contiene alte concentrazioni di THC e altri cannabinoidi, proprio come la Cannabis Sativa del primo tipo. L’ultima specie, la Cannabis Ruderalis, è una varietà particolare con qualità autofiorenti uniche.

La Cannabis Sativa e la Cannabis Indica sono le specie di piante più popolari per la produzione di Marijuana e, sebbene molte persone pensino che qualsiasi tipo di erba si trovino avanti abbiano un sapore e un odore uguali, ci sono alcune caratteristiche distintive che differenziano le varietà di Indica e Sativa.

Qui riassumiamo alcune delle principali differenze tra le varietà Indica e Sativa.

Differenze di morfologia e struttura

Indubbiamente, una delle differenze più notevoli per il coltivatore tra le piante di Cannabis Indica o Sativa è il loro aspetto.

Le piante di Cannabis Sativa sono caratterizzate da una crescita molto elevata, raggiungendo un’altezza che ricorda molto più quella di un albero, fino a 3 metri all’aperto. I loro rami sono abbastanza distanziati e vantano foglie verde chiaro con superfici strette. Inoltre di solito sviluppano grandi gemme di fiori lungo tutti i loro rami.

Le piante di Cannabis Indica, d’altra parte, crescono molto meno, con altezze che di solito rimangono tra 1 e 2 metri all’esterno. Sono popolate da rami, quindi il loro aspetto ricorda molto più un arbusto e hanno grandi foglie con ampie superfici e un colore più scuro.

I germogli di Indica di solito crescono in gruppi lungo i nodi dei rami e degli steli delle piante. Sebbene di solito siano più piccoli dei germogli delle piante di Sativa, di solito sono più densi e più pesanti.

Coltura e cicli di crescita

La maggior parte dei coltivatori ha potuto apprezzare un’importante differenza tra i cicli di crescita e fioritura delle piante Indica e Sativa.

Le Indiche di solito fioriscono in 45-60 giorni e producono raccolti considerevolmente più pesanti nonostante le loro dimensioni più piccole (ciò è forse dovuto al fatto che i loro germogli sono più densi e più pesanti di quelli delle piante Sative).

La Sativa di solito fiorisce in 60-90 giorni e produce colture meno abbondanti in generale, anche se alcune varietà specifiche hanno il potenziale per produrre risultati inaspettati, grazie a particolari varietà di piante giganti.

Differenze negli effetti

La Cannabis Indica e la Sativa producono effetti notevolmente diversi.

L’Indica è nota per produrre potenti effetti sedativi molto apprezzati dai consumatori per scopi ricreativi e dai pazienti che hanno bisogno di trattare il dolore o l’insonnia, tra gli altri sintomi, e problemi di salute vari.

Grazie alla sua capacità di indurre una sedazione fisica profonda, le varietà di Indica sono generalmente considerate migliori da consumare di notte.

I ceppi di Sativa, d’altra parte, producono spesso effetti vivaci che alcuni trovano ideali per aumentare i loro livelli di motivazione e creatività, oltre a migliorare il loro umore.

Diversamente dall’Indica, molti consumatori affermano di poter consumare erba Sativa durante il giorno o in situazioni in cui desiderano rimanere produttivi e socialmente ricettivi, ragion per cui queste tipologie possono anche trattare i sintomi della depressione o del disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

Origini

C’è molto dibattito sulle diverse origini geografiche delle varietà di Cannabis Indica e Sativa. Sfortunatamente, non ci sono prove scientifiche sufficienti per provare alcuna teoria.

In ogni caso, tutto sembra indicare che la Cannabis Indica abbia le sue radici nel subcontinente indiano.

La specie fu descritta per la prima volta dal biologo francese Jean-Baptiste Lamarck nel 1785, usando esemplari di piante che aveva raccolto in India.

Questa pianta continua a crescere naturalmente in molte regioni dell’India e nei suoi dintorni, compresa la parete meridionale dell’Himalaya, dove si sviluppa molto bene nonostante le basse temperature e le alte quote.

L’India è anche considerata il luogo di origine del consumo di Cannabis, che lì svolge un ruolo importante nelle funzioni religiose. Attualmente, la maggior parte delle banche di semi e dei coltivatori di Cannabis concordano sul fatto che la Cannabis Indica provenga da questa regione.

Nel frattempo, Carlos Linneo nel 1753, ha affermato che la Cannabis Sativa proveniva a sua volta dall’India.

Le origini esatte della Cannabis Sativa, d’altra parte, non sono così chiare. La specie prospera nei climi tropicali vicino all’Ecuador, il che porta alcuni a credere che potrebbe aver avuto origine in luoghi più caldi dell’Asia meridionale (come la Thailandia).

Importanza di fenotipi e genotipi

Come abbiamo visto prima, ci sono alcune differenze significative tra le varietà di Cannabis Indica e Sativa. Tuttavia, è importante ricordare che stiamo parlando di regole o linee guida di base, che alcune varietà specifiche non sempre rispettano.

Come consumatore di Cannabis, è probabile che un dato effetto si verifichi una varietà che, nonostante sia considerata Sativa, produce alcuni effetti più tipici di un’Indica (e viceversa).

Come coltivatore, forse puoi anche vedere come dopo aver piantato un lotto di semi di una varietà che dovrebbe essere Indica, in poche settimane potrai veder crescere 1 o 2 piante che in realtà sembrano di varietà Sativa (o viceversa).

Queste differenze o irregolarità sono causate da diversi fenotipi di Cannabis.

I fenotipi possono essere descritti come le qualità osservabili di un dato organismo. Un genotipo, d’altra parte, è la composizione genetica che produce quelle qualità.

Quindi anche se i semi di Bubba Kush che hai acquistato potrebbero avere gli stessi geni, potrebbero diventare piante diverse, alcune delle quali potrebbero avere un aspetto Sativa più tipico di altre per via di una qualche sorta di contaminazione.

Diversi fenotipi di Cannabis presenteranno anche diversi profili chimici e contengono diverse concentrazioni di terpeni e cannabinoidi, che alla fine saranno responsabili di dare loro effetti unici.

Incroci e varietà di Cannabis ibrida

I coltivatori e produttori di Marijuana sono sempre impegnati a cercare di creare e stabilizzare nuove varietà di Cannabis con qualità e geni specifici.

Per fare ciò, possono letteralmente incrociare una pianta Indica con una Sativa e ottenere una nuova varietà di Cannabis che, ad esempio, consentirà brevi periodi di fioritura e abbondanti raccolti tipici di un’Indica ma svilupperà fiori con un effetto chiaramente proveniente da una Sativa.

Ogni volta che i produttori lo fanno, stanno fondamentalmente creando ibridi di Cannabis, varietà che includono geni sia di Sativa che di Indica.

Gli ibridi sono particolarmente popolari perché consentono ai coltivatori di sviluppare ceppi unici con effetti particolari, un potenziale terapeutico unico o la capacità di adattarsi meglio a specifici ambienti e condizioni di crescita.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.