Cannabis

Cannabis Ruderalis, la varietà autofiorente e super resistente

ruderalis img

In un regno dominato dalle onnipresenti Sativa e Indica, la Cannabis Ruderalis è il grande sconosciuto nel mondo della Cannabis. Sebbene non sia una specie in sé, gli effetti di questa varietà, quando unita a una delle sue sorelle maggiori, possono essere sorprendenti, dando vita a vere “superspecie” in grado di crescere in condizioni in cui Indica e Sativa, da sole, non crescerebbero nemmeno.

Ruderalis, la terza specie di Marijuana

In un discorso sulle diverse specie di Cannabis l’attenzione cade alternativamente sulle due specie predominanti, Sativa e Indica. Tuttavia, sebbene sconosciuta a molti consumatori abituali della pianta verde, la Ruderalis, la presunta terza specie, sta guadagnando sempre più peso. Va precisato che questa varietà di Cannabis è ancora respinta da molti come specie in quanto tale. In effetti, ci sono esperti che sostengono che la Cannabis sia un’unica specie indipendente che può essere facilmente trasformata mescolando le sue diverse varietà e che, quindi, non ha senso considerare diverse specie Sativa e Indica, ma varietà all’interno di un stesso gruppo.

Comunque sia, così come nella somma, l’ordine dei fattori non altera il risultato, quando si parla delle caratteristiche e degli effetti della Ruderalis è indifferente posizionarsi a favore di esperti che la considerano una specie, una varietà o una sottospecie. La Ruderalis è un tipo di Cannabis con interessanti proprietà.

Origine e caratteristiche

Soprannominata “erbaccia” dal suo scopritore botanico DE Janischevsky nel 1924, questa varietà di Canapa fu scoperta casualmente nel clima freddo e secco della Russia. Dal primo momento, il biologo si rese conto che era una pianta in gran parte condizionata da agenti meteorologici esterni. Le foglie più piccole e numerose la differenziarono ad occhio nudo delle varietà di Sativa e Indica che crescevano in Europa e in Asia.

Tuttavia, quasi un secolo dopo, uno studio genetico che contrapponeva i genotipi e i fenotipi delle diverse varietà ha mostrato che la Ruderalis non poteva essere considerata una specie in quanto tale, poiché condivideva gran parte delle informazioni genetiche di Sativa e Indica. In conclusione, era un ibrido tra entrambe le specie e non una specie a sé stante.

Con un aspetto molto più piccolo di quello dei suoi cugini (40-70 cm in media), la Cannabis Ruderalis ha un tronco robusto e peloso con fogliame largo e verde carico. Per quanto riguarda i germogli, parliamo di dimensioni molto discrete e steli molto spessi.

Condizioni di crescita

Contrariamente a quanto accade con Sativa e Indica, il ciclo di fioritura della Ruderalis non è necessariamente attivato dai diversi fotoperiodi, questo è qualcosa che la rende molto interessante dal punto di vista della coltivazione. In effetti, la fioritura precoce la rende un’opzione molto interessante per i coltivatori principianti che desiderano ottenere risultati il ​​prima possibile e, soprattutto, con certezza e senza troppa fatica o ingegno.

Grazie al fatto che è una pianta in grado di adattarsi a quasi tutti gli ambienti, i fiori compaiono tra le 3 e le 4 settimane dopo la semina. In particolare, una pianta di Ruderalis incrociata con una varietà di Indica ha la capacità di fiorire, in molti casi, spontaneamente e non a seguito di esposizione alla luce o a una temperatura specifica. In questo modo, Ruderalis-Indica diventa praticamente l’unica varietà di Cannabis in grado di fiorire in casa, semplicemente vicino a una finestra appena soleggiata: da qui la proprietà di autofiorente.

Effetti

Sebbene la Cannabis Ruderalis sia in grado di crescere in condizioni in cui le altre varietà non potrebbero sopravvivere, va detto che ogni essere vivente ha il suo tallone d’Achille.

La sua composizione chimica è molto meno interessante di quella delle compagne Sativa e Indica che possono vantare livelli rispettabili di THC e CBD. La presenza contenuta di THC, codificata nel DNA di questa varietà, rende i ceppi di Ruderalis non utili a scopi ricreativi e terapeutici. Il suo consumo non ha quasi alcun effetto a livello psicologico o sensoriale, quindi consumarla non ha effetti psicotropi. Niente a che fare con un pomeriggio di relax o risate causato da una varietà di Sativa o Indica.

Questo è il motivo principale per cui la Ruderalis è sempre incrociata con le specie Indica o Sativa, dove la miscela con la prima è più frequente. Il mix Ruderalis-Indica è considerato da molti esperti una superspecie in grado di crescere in ambienti poco lusinghieri senza perdere gli effetti ricreativi di qualsiasi sostanza psicotropa.

Sebbene sia vero che questo prodotto dato da Ruderalis e Indica abbia meno THC rispetto alla maggior parte degli ibridi, la sua alta percentuale di CBD lo rende una varietà ideale per i consumatori di Cannabis terapeutica che cercano di beneficiare degli effetti terapeutici dei cannabinoidi. La combinazione di THC e CBD produce una somma di effetti psicologici e sensoriali che nella maggior parte dei casi sono perfetti per i malati di cancro che si rivolgono alla Cannabis per alleviare i loro sintomi.

Perché succede? Il CBD fa parte di quei cannabinoidi non psicoattivi che a malapena agiscono sullo stato di coscienza quando vengono consumati. Nonostante sia un fratello stretto del THC, il CBD non è un composto psicoattivo in quanto tale, ma un componente sedativo in grado di abbassare i livelli di ansia che un paziente presenta di solito e minimizzare qualsiasi tipo di dolore.

Gran parte della comunità medica raccomanda il suo consumo per aiutare a contrastare i processi infiammatori o il verificarsi di incidenti cardiovascolari, nonché a ridurre gli effetti di malattie mentali come la schizofrenia o malattie croniche come l’artrite reumatoide.

Conseguenze derivate dal consumo a medio e lungo termine

Uno degli effetti negativi o positivi (a seconda di come lo si guarda e quale effetto si desidera ottenere) è la tolleranza ad azione rapida di Ruderalis. Più di ogni altra varietà di Cannabis, la Ruderalis induce una tolleranza che porta il consumatore a vedere come diminuiscono gli effetti psicotropi all’aumentare della frequenza di assunzione dei cannabinoidi.

Come altre varietà di Cannabis, la Ruderalis non mostra sintomi gravi quando smette di essere consumata. La sindrome da astinenza, ad esempio, non ha nulla a che fare con quella sofferta quando si abbandona la nicotina per un motivo molto semplice: i cannabinoidi immagazzinati nelle cellule lipidiche del corpo vengono eliminati molto lentamente, anche in diversi mesi.

In conclusione, a causa di tutte le sue caratteristiche, questa varietà, indipendentemente dal fatto che possa esser considerata o meno una terza specie di Cannabis, è una pianta molto interessante, specialmente se mischiata con l’Indica, e diventa l’opzione più raccomandata per quei pazienti che vogliono coltivare da sé la Cannabis per ottenerne una Marijuana adatta a trattare i propri sintomi.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.