Rimedi Naturali

Rimedi naturali per sbiancare i denti

sbiancamento dei denti

Negli ultimi anni la popolazione mondiale si è decisa a dare maggiore importanza al proprio sorriso a partire dai denti. Tutti infatti cercano di ottenere dei denti bianchissimi per poter sfoggiare sorrisi splendenti. A cercare maggiormente soluzioni per lo sbiancamento dentale sono le persone che abusano di alcool e fumo che sono anche le stesse che riscontrano particolari problemi.

Queste due cattive abitudine fanno in modo infatti che i denti con il tempo ingialliscano, diventano neri o presentino macchie molto poco estetiche. Rimuoverle con il classico dentifricio può non essere sufficiente ed è per questo che si ricorre ai vecchi metodi tradizionali.

Accanto infatti alle più elevate tecnologie dello sbiancamento dentale persistono ancora i rimedi naturali per sbiancare i denti che li fanno risultare non solo più belli ma anche più sani. Non sono solo alcool e sigarette il problema dei nostri denti ma anche e soprattutto una scarsa igiene orale e una scorretta alimentazione.

Cambiare queste abitudini è il primo step da affrontare per poter permettere alla nostra dentatura di tornare a splendere. Ogni metodo di cui andremo a parlare può funzionare solo se nel tempo riusciremo ad eliminare tutte le abitudini nocive al nostro corpo. E quindi se vi piacere fumare forse è arrivato il momento di smettere. Andiamo intanto a scoprire tutti i rimedi naturali per sbiancare i denti.

Pulizia dentale

La prima cosa che tutti dobbiamo fare per avere dei denti perfettamente puliti e privi di macchie è prendercene cura. Per prendercene cura oltre a recarci dal dentista per dei controlli di routine e risolvere eventuali problematiche che possono presentarsi, dobbiamo lavare i denti 3 volte al giorno.

La routine prevede che i denti vengano lavati mattina, pranzo e sera. Se proprio non abbiamo modo di lavarli 3 volte al giorno teniamoci sulle due volte al dì per garantirci la pulizia corretta giornaliera.

E cerchiamo di utilizzare almeno un collutorio dentale all’orario di pranzo, che è il momento in cui tutti abbiamo più difficoltà nel lavare i denti perchè magari siamo a lavoro o in giro per la città a fare commissioni.Questo ci garantisce la rimozione di buona parte della placca alimentare che si va a creare e che compromette la salute dentale.

Altro consiglio utile è quello di utilizzare il filo interdentale e di utilizzare un collutorio orale per rimuovere ogni traccia di cibo e batteri all’interno della bocca. Più cureremo i nostri denti meno possibilità di imbatterci in problematiche di ogni genere avremo.

Bicarbonato di sodio

L’utilizzo di bicarbonato di sodio non è certo una novità. Da sempre le nonne lo raccomandano per la pulizia dentale. I benefici che è in grado di portare questo prodotto sono innumerevoli e ci garantiscono un risultato finale impeccabile. Il bicarbonato infatti sbianca profondamente i denti e ci garantisce un sorriso brillante.

Per far sì che funzioni ci basterà lavare i denti con una piccola quantità di bicarbonato di sodio ogni giorno. Non è da aggiungere al dentifricio ma da utilizzare come unico prodotto per lavarli. I denti appariranno sin da subito più lucidi e brillanti, inoltre nel tempo riusciremo ad eliminare ogni tipo di macchia.

Nonostante sia un prodotto naturale con il tempo può corrodere lo smalto dei denti, bisogna perciò farne un uso ponderato. Questo anche perchè utilizzando questo rimedio naturale andiamo ad alterare la flora dentale con possibilità di creare vari disagi.

Limone

Il limone è perfetto per eliminare le macchie o il giallo sui denti dovuto al fumo di sigaretta. Per poterlo rendere efficace abbiamo due modalità diverse di utilizzo. La prima prevede il suo utilizzo congiunto al bicarbonato di sodio. In questo caso andremo ad utilizzare il succo di limone che mischieremo al bicarbonato creando una pasta da utilizzare come dentifricio.

In alternativa possiamo utilizzare la sua buccia direttamente sui denti, sfregandola per rimuovere non solo le macchie ma anche la placca in eccesso. Anche in questo caso un trattamento troppo lungo dei due metodi può portare al danneggiamento dello smalto dentale.

Cenere del legno di noce

Un metodo da utilizzare con cautela è sicuramente la cenere del legno di noce. La cenere del legno di noce è utilissima per sbiancare i denti e le sue qualità sono conosciute fin dall’antichità. Possiamo utilizzare la polvere sfregandola sui nostri denti.

Sicuramente il risultato sarà positivo di contro però abbiamo l’irritabilità e il bruciore che può causare utilizzare questo prodotto all’interno della bocca. Quindi prima di utilizzare questo metodo sarà bene provare gli altri e verificare se sono adatti alla nostra cura dentale.

Salvia

Anche la salvia è un metodo naturale molto conosciuto. Possiamo utilizzarla come corrosivo sui nostri denti. Il suo utilizzo è molto semplice ci basterà infatti prendere una foglia , lavarla sotto acqua fredda e poi sfregarla sui denti.

Il risultato sarà denti bianchi ed alito fresco. Non a caso in commercio troviamo moltissimi dentifrici con questo elemento. Il procedimento va ripetuto non più di due volte a settimana. Eccedere con il suo utilizzo può compromettere la sanità dentale.

Mele, pere, fragole, carote e uva passa

Questi quattro frutti sono un alleato incredibile per lo sbiancamento dentale e non solo. Quello che dobbiamo fare è semplicemente mangiarli. Ogni volta che daremo un morso ad uno dei frutti da noi scelto il processo si attiverà automaticamente. Mele, pere, fragole, carote e uva passa hanno una consistenza particolare che permette al frutto di entrare in contatto con tutto il dente.

Per la loro consistenza dura sono anche un ottimo alleato contro la placca perché permettono di rimuoverla. Non meno importante poi la loro azione antinfiammatoria che ci garantisce gengive più sane e anche una pulizia costante dai batteri nella bocca. Non vi sono effetti collaterali.

Buccia d’arancia

Anche in questo caso utilizzeremo la buccia d’arancia per sfregarla sui nostri denti. Il funzionamento perciò è semplicissimo. L’effetto sbiancante che andremo ad ottenere è impeccabile, inoltre è in grado di eliminare la placca in eccesso. Da non utilizzare in caso di sensibilità dentale o gengivale perché potrebbe aumentarne i sintomi.

Aceto di mele

L’aceto di mele è perfetto per lucidare i denti e renderli molto brillanti. La sua azione sbiancante non è efficace come le precedenti ma è comunque presente. Possiamo perciò sfruttarlo per eliminare le macchie più lievi.

Carbone vegetale

Il carbone vegetale non tutti lo conoscono ma è un prodotto molto utilizzato anche in cucina, ad esempio viene utilizzato per realizzare il pane al carbone vegetale. Le sue proprietà sono riconosciute soprattutto in nord Europa dove viene costantemente utilizzato per la pulizia dentale.

Possiamo scegliere di utilizzare il carbone vegetale al posto del dentifricio, il procedimento è molto semplice prenderemo una piccola quantità di prodotto da distribuire sullo spazzolino. Passiamo lo spazzolino tra i denti come se li stessimo lavando con un comune dentifricio. Sciacquiamo accuratamente.

L’effetto sbiancante si noterà già dal primo utilizzo, noterete dei denti più sani e lucidi con un alito più fresco e gradevole. Questo rimedio è particolarmente indicato per le macchie più resistenti.

Acido Malico

L’acido malico contenuto nel succo di mele o nel succo di fragole è un ottimo rimedio per sbiancare i nostri denti. Possiamo infatti utilizzare i succhi per lavare i denti e ottenere un effetto sbiancante. Da subito potremo notare dei denti molto più bianchi e lucenti. Entrambi i rimedi non comportano alcun tipo di effetto indesiderato.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.