Patologie

Tricomoniasi

tricomonas vaginalis img

La tricomoniasi è una malattia a trasmissione sessuale molto comune causata da un’infezione trasmessa dal parassita protozoo chiamato Trichomonas vaginalis. I sintomi della malattia possono variare e la maggior parte degli uomini e delle donne che hanno il parassita non sanno di essere infetti.

La tricomoniasi è considerata la malattia curabile a trasmissione sessuale più comune. Negli Stati Uniti, circa 3,7 milioni di persone hanno quest’infezione, ma solo circa il 30% presenta sintomi. È più comune nelle donne che negli uomini e le donne anziane hanno maggiori probabilità rispetto alle ragazze di avere l’infezione.

Cosa troverai nell'articolo

Cause

Una persona infetta può trasmettere il parassita a un’altra persona che non ha l’infezione durante il rapporto sessuale. Nelle donne, l’area del corpo più frequentemente infetta è la parte inferiore del tratto genitale (la vulva, la vagina o l’uretra) e negli uomini è la parte interna del pene (uretra). Durante il rapporto sessuale, il parassita viene solitamente trasmesso dal pene alla vagina o dalla vagina al pene, ma può anche essere trasmesso da una vagina all’altra. Non è comune che il parassita infetti altre parti del corpo, come le mani, la bocca o l’ano. Non è chiaro il motivo per cui alcune persone con infezione presentano sintomi e altre no, ma probabilmente dipende da fattori quali l’età della persona e la salute generale, soprattutto lo stato del sistema immunitario.

Sintomi

Circa il 70% delle persone infette non ha segni o sintomi. Quando la tricomoniasi causa sintomi, possono variare tra lieve irritazione e grave infiammazione. Alcune persone hanno sintomi entro 5-28 giorni dopo essere stati infettati, ma altri li hanno molto più tardi. I sintomi possono apparire e scomparire.

Gli uomini con tricomoniasi possono avvertire prurito o irritazione all’interno del pene e/o bruciore dopo la minzione o eiaculazione.

Le donne con tricomoniasi possono notare prurito, bruciore, arrossamento o dolore ai genitali, disagio durante la minzione o una scarica chiara con un odore insolito che può essere trasparente, bianco, giallastro o verdastro.

Avere la tricomoniasi può causare disagio quando si fa sesso. Se non trattata, l’infezione può durare mesi e persino anni.

La tricomoniasi può aumentare il rischio di contrarre o diffondere altre infezioni a trasmissione sessuale. Ad esempio, può causare un’infiammazione genitale che semplifica l’infezione da virus HIV o la trasmette a un partner sessuale.

Le donne in gravidanza che hanno la tricomoniasi hanno maggiori probabilità di avere i loro bambini in anticipo (parto prematuro). Inoltre, i bambini nati da madri infette hanno maggiori probabilità di essere sottopeso alla nascita, secondo i parametri ufficiali.

Diagnosi

È impossibile diagnosticare la tricomoniasi basandosi esclusivamente sui sintomi. Sia per gli uomini che per le donne, il medico di base o un altro operatore sanitario devono sottoporre il paziente a un esame e un test di laboratorio per diagnosticare la tricomoniasi.

L’esame viene effettuato successivamente all’analisi di un tampone vaginale o un tampone uretrale.

Trattamento

La tricomoniasi può essere curata con una singola dose di un antibiotico prescritto (può essere metronidazolo o tinidazolo), in pillole che possono essere assunte per via orale. Le donne in gravidanza possono assumere questo medicinale. Alcune persone che consumano alcol per 24 ore dopo aver assunto questo tipo di antibiotico possono avere effetti collaterali fastidiosi.

Il trattamento può durare anche più a lungo a seconda della condizione pre-esistente e la gravità dell’infezione.

Le persone che sono state curate per la tricomoniasi possono contrarla di nuovo. Circa 1 persona su 5 viene nuovamente infettata entro 3 mesi dal trattamento. Per evitare ciò, assicurati che anche tutti i tuoi partner sessuali siano stati trattati e attendi per fare nuovamente sesso fino a quando tutti i sintomi non sono scomparsi (circa una settimana).

Prevenzione

L’uso corretto del preservativo in lattice ogni volta che si fa sesso contribuirà a ridurre il rischio di contrarre o trasmettere la tricomoniasi. Tuttavia, i preservativi non coprono l’intera area ed è possibile contrarre o trasmettere questa infezione anche quando il contraccetivo in lattice viene usato. A tal proposito, il cosiddetto “preservativo femminile” sembra più sicuro.

L’unico modo sicuro per prevenire le infezioni a trasmissione sessuale è evitare del tutto il rapporto sessuale. Un altro modo per affrontarlo è parlare di questo tipo di infezione prima di fare sesso con un nuovo partner, prendere decisioni sensate dopo essersi informati sul livello di rischio che le persone con cui si hanno rapporti sessuali hanno di aver contratto l’infezione.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.