Superalimenti

Olio di CBD, 9 benefici dimostrati

olio di cbd marijuana

Gli vengono assegnati molti benefici, è cosa nota.

È usato per trattare il dolore cronico, l’epilessia e i disturbi del sonno, per citarne solo alcuni esempi. È disponibile senza prescrizione medica.

L’olio di CBD non è una medicina (non ancora in tutto il mondo) ma un integratore alimentare; quindi, la ricerca scientifica a riguardo è ancora limitata. In questo articolo, ci concentreremo sulle affermazioni fatte nel corso del tempo riguardo i suoi effetti sulla salute e le manifestazioni supportate da prove scientifiche.

Cosa è l’olio di CBD

L’olio di CBD è un integratore alimentare e non un farmaco. È quindi disponibile al banco di un qualsiasi punto vendita anche non strettamente farmaceutico. Può essere acquistato senza prescrizione medica presso i negozi specializzati o ordinato online.

Questo olio è fatto principalmente di estratti di canapa. Questo è il motivo per cui a volte è noto come olio di cannabis.

Probabilmente hai già sentito parlare di cannabis medica (o cannabis terapeutica). Negli Stati Uniti, negli ultimi anni è stata oggetto di molta attenzione poiché le politiche severe sulle droghe (leggere) stanno diventando più flessibili e sempre più Stati stanno consentendo la vendita di cannabis (ad uso medico ma anche ricreativo).

Conosciamo già da molto tempo gli effetti terapeutici della cannabis. La cannabis, tuttavia, ha lo svantaggio di causare anche alcuni effetti collaterali.

Ha infatti effetti psicoattivi. Certo, potrebbero non essere considerati come effetti collaterali ma come scopo principale del suo consumo ad uso ricreativo. Tuttavia, questi effetti sono poco desiderabili se si manifestano durante il lavoro ed è semplicemente pericoloso e irresponsabile procurarseli durante la guida.

È il THC (il tetraidrocannabinolo) presente nella cannabis che è responsabile della sensazione di “fattanza”. La cannabis coltivata per uso ricreativo ha un contenuto di THC estremamente alto.

Il CBD (il cannabidiolo) è una sostanza chimicamente simile al THC. Il CBD ha proprietà medicinali ma a differenza del THC influisce meno sulla psiche.

L’olio di CBD viene estratto dalla canapa industriale. Questa canapa è coltivata per la sua fibra e ha un contenuto minimo di THC.

Con la cannabis, dunque, ci si riferisce generalmente alla specie di canapa ad alto contenuto di THC (generalmente detta marijuana) che viene coltivata (di solito) per i suoi effetti psicotropici. Ecco che dunque che definire l’olio di CBD come olio di cannabis non è corretto al 100%, ma possiamo lasciarlo passare. Sarebbe comunque più sensato utilizzare questa dicitura per l’olio di THC.

Olio di THC

Come l’olio di CBD, l’olio di THC ha proprietà medicinali. I pazienti oncologici trarrebbero beneficio dal consumo di olio di THC in combinazione con l’olio di CBD. L’olio di CBD inibisce l’effetto stazionario di un’alta dose di olio di THC. In particolare, il CBD inibisce la degradazione del THC da parte degli enzimi epatici.

Se vuoi produrre da solo olio CBD, sappi che la cannabis per uso ricreativo non è adatta. Questa cannabis è coltivata in modo che il suo contenuto di THC sia il più alto possibile, a scapito del suo contenuto di CBD. Se invece vuoi fare da solo l’olio di THC potresti utilizzare la cannabis ad uso ricreativo.

Canapa industriale

L’olio di CBD è fatto di canapa industriale con un contenuto di THC molto basso e un alto contenuto di CBD.

A differenza del THC, l’olio di CBD ha il vantaggio di non creare dipendenza. Inoltre, non provoca allucinazioni.

D’altra parte, l’olio impuro di CBD può causare allucinazioni perché contiene (accidentalmente) THC. Ciò potrebbe essere dovuto, ad esempio, a uno scarso controllo finale o a un campionamento insufficiente durante la produzione.

Quali sono gli usi dell’olio di CBD

Riassumeremo i diversi usi dell’olio di CBD.

Attenzione: il fatto che l’olio di CBD sia utilizzato per un determinato scopo non significa necessariamente che sia efficace per chiunque lo utilizzi.

Ad ogni modo, ecco una lista dei casi in cui può sortire un effetto positivo:

  • epilessia
  • dolore cronico, artrite (infiammazione articolare), sclerosi multipla, dolore muscolare, disturbi del midollo spinale
  • osteoartrite (usura delle articolazioni)
  • reumatismo
  • disturbi d’ansia
  • ADHD
  • stress
  • PTSD (Disturbo Post Traumatico da Stress)
  • insonnia
  • morbo di Parkinson
  • morbo di Alzheimer
  • sindrome d’Asperger
  • ictus
  • cancro
  • acne
  • mal di testa ed emicranie
  • tremori e spasmi
  • morbo di Crohn
  • verruche
  • sindrome di Ehlers-Danlos
  • fibromialgia
  • psicosi
  • autismo infantile
  • BPCO
  • tensione muscolare
  • disturbo di personalità ossessivo-compulsivo
  • depressione
  • tic nelle persone con la sindrome di Tourette
  • abbassamento della glicemia (importante per il diabete)
  • dolore neurologico, dolore dovuto a danni ai nervi, dolore facciale, dolore post-erpetico (fuoco di Sant’Antonio)
  • sindrome dell’arto fantasma
  • sospensione del fumo, il CBD riduce la necessità di nicotina del 40%
  • nausea, soprattutto quella causati da droghe o chemioterapia

Come potete vedere, consumiamo olio di CBD per una lista impressionante di disturbi e malattie.

Per molte persone, l’uso dell’olio di CBD è un valido aiuto principalmente al trattamento dell’epilessia e della malattia di Parkinson.

Su internet ci sono video di persone con epilessia e Parkinson che vedono i loro sintomi scomparire in pochi minuti dopo l’assunzione di olio di CBD. Per le persone che li circondano, l’efficacia dell’olio di CBD è tangibile. Ed è davvero bello che queste persone possano beneficiare di questo dono di Madre Natura.

Per alcuni disturbi, incluso il dolore, l’effetto placebo può anche avere un ruolo fondamentale nella determinazione del successo di un trattamento. Quando ascoltiamo o leggiamo così tante lodi sull’olio di CBD, le aspettative sono alte. Questo effetto deve essere preso in considerazione.

Dopo alcune settimane di assunzione dell’olio di CBD sarà più facile determinare se il miglioramento dei disturbi è dovuto all’effetto dell’olio o del placebo.

I comprovati benefici dell’olio di CBD

Come abbiamo già detto, l’olio di CBD è usato per trattare molti disturbi e malattie. Su internet, ci sono tutti i tipi di affermazioni sull’olio di CBD.

Tra queste affermazioni ci sono quelle fatte dai venditori di olio di CBD e dei prodotti correlati. È facile immaginare che alcuni aspetti del CBD saranno un po’ troppo esaltati. Non stiamo dicendo che dell’olio di CBD si dica il falso, è un prodotto assolutamente eccezionale, ma vi stiamo invitando a verificare sempre con altre fonti le nozioni che avete letto su un sito web dedicato al commercio. Questo vale per l’olio di CBD, l’olio di cocco, la curcuma, la clorella o qualsiasi altro integratore alimentare.

In effetti, l’olio di CBD sembra una cura miracolosa; è un prodotto disponibile al banco, naturale, quasi senza effetti collaterali, ed è usato per trattare quasi tutte le malattie e le condizioni mediche immaginabili.

È comunque importante far notare che mentre alcune persone traggono grandi benefici dal consumo di CBD, in altre non ha alcun effetto, o addirittura è controproducente. Puoi leggere molte recensioni positive sull’olio di CBD su Internet o ascoltare le storie di persone che hanno consumato olio di CBD su YouTube o nei documentari in TV (forse anche su Netflix dovresti poter trovare qualcosa).

In alcune aree, gli effetti medicinali dell’olio di CBD non sono (ancora) scientificamente dimostrati. Ciò non significa che l’olio di CBD non possa essere efficace nel trattare queste condizioni; potrebbe anche essere che non è stato studiato a sufficienza per quello specifico caso o che non ci sono ancora prove sufficienti.

L’efficacia dell’olio di CBD è stata scientificamente provata per vari disturbi.

Beneficio 1: trattamento dell’epilessia

È la sua efficacia nel trattare l’epilessia che ha reso noto l’olio CBD al grande pubblico.

Nel 2013, la CNN ha trasmesso un documentario su un giovane americano con grave epilessia. L’olio di CBD ha aiutato i suoi genitori a controllare i suoi attacchi violenti e frequenti.

Questo documentario, che ha attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo, può essere visto come l’innesco dello slancio verso l’olio di CBD tra i genitori di bambini con epilessia.

Se cerchi su Internet, troverai molti altri video di casi di epilessia trattati con successo con olio di CBD.

Attualmente, gli scienziati stanno studiando come l’olio di CBD diminuisce il numero di convulsioni nelle persone con epilessia e se il suo uso sia del tutto sicuro.

L’American Epilepsy Society è ottimista sul valore medicinale dell’olio di CBD per il trattamento dell’epilessia e sta attualmente studiando se il suo uso sia sicuro al 100%.

Nel 2016 è stato condotto uno studio su 214 persone con epilessia. Hanno ricevuto olio di CBD oltre ai loro farmaci. I partecipanti sono stati seguiti per 12 settimane; sono stati trovati ad avere il 36,5% in meno di convulsioni al mese a causa dell’olio di CBD.

Sfortunatamente, l’olio non ha avuto la stessa efficacia in tutti i partecipanti. Alcuni dei partecipanti allo studio hanno sperimentato effetti collaterali; per alcuni, questi erano così fastidiosi che furono costretti a fermare l’olio di CBD.

Alcuni dei seguenti effetti indesiderati sono stati riportati da alcuni partecipanti:

  • diminuzione dell’appetito
  • diarrea
  • sonnolenza
  • fatica
  • convulsioni

L’efficacia dell’olio di CBD (e il suo grado di efficacia) nel trattamento dell’epilessia varia da persona a persona. La stessa cosa vale per gli effetti collaterali: alcuni ne sperimenteranno alcuni, altri no.

Quindi si tratta solo di provare l’olio di CBD per te stesso, per capire se possa avere effetto o meno. Per effettuare una valutazione oggettiva è necessario confrontare il numero e la durata delle crisi prima e dopo il consumo dell’olio.

È inoltre necessario prestare attenzione agli effetti collaterali. Finora, non vi è alcuna indicazione che l’uso di olio di CBD sia pericoloso per le persone con epilessia.

Beneficio 2: trattamento dei disturbi d’ansia

I ricercatori sospettano che il CBD influenzi il modo in cui i recettori cerebrali rispondono alla serotonina.

La serotonina svolge un ruolo importante nella chimica del cervello. Questo neurotrasmettitore è coinvolto nella regolazione dell’umore e del comportamento ed è importante per la salute mentale.

Uno studio ha scoperto che il CBD ha aiutato le persone con diagnosi di disturbo d’ansia sociale DSM-5 a parlare e interagire più liberamente con un gruppo di persone.

Altri studi sono stati condotti su animali. Ecco gli effetti che abbiamo osservato:

  • Diminuzione dello stress
  • Sintomi ridotti di PTSD (disturbo da stress post-traumatico)
  • Riduzione degli effetti fisiologici dello stress (ad es. aumento della frequenza cardiaca)
  • Sonno migliorato in caso di insonnia

Nel 2017, i ricercatori hanno esaminato i risultati degli studi sul trattamento dei disturbi mentali usando il CBD. Ha coinvolto il trattamento di disturbi come disturbi d’ansia, depressione, disturbo bipolare e schizofrenia.

Hanno trovato incongruenze e hanno concluso che c’erano ancora poche prove dell’efficacia del CBD sui disturbi mentali. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la sicurezza e il dosaggio appropriato.

Beneficio 3: sollievo dal dolore

Molte persone usano l’olio di CBD per alleviare il dolore cronico. Il CBD calma il dolore grazie al suo effetto sui recettori del dolore al cervello.

Questo è il motivo per cui in alcuni paesi, un farmaco chiamato Sativex viene prescritto a persone con sclerosi multipla. I composti attivi del Sativex sono THC e CBD. Il Sativex dovrebbe alleviare il dolore nelle persone con sclerosi multipla.

I ricercatori hanno opinioni divergenti su come il CBD aiuta le persone con sclerosi multipla. Alcuni credono che l’azione del CBD sia basata sul suo effetto sui recettori cerebrali, mentre altri ne mettono in dubbio le proprietà antinfiammatorie. In tutti i casi, molti pazienti con sclerosi multipla beneficiano di questo farmaco.

Gli studi hanno dimostrato che il CBD è efficace nel lenire i seguenti tipi di dolore:

  • dolore nella sclerosi multipla
  • dolore cronico
  • dolore da artrite
  • dolori muscolari
  • lesioni nella colonna vertebrale

Beneficio 4: effetto anti-cancro

Affermare che qualcosa può curare il cancro è sempre molto pericoloso. Per cominciare, ci sono molti tipi di cancro e molte fasi di sviluppo. Inoltre, ogni corpo risponde in modo diverso a trattamenti come la chemioterapia o la radioterapia.

Alcune storie su internet potrebbero farci credere che il CBD e/o il THC curino il cancro. Sfortunatamente, questo non è il caso; in ogni caso, questo non è mai stato scientificamente provato. Tuttavia, le persone affette da cancro possono trarre beneficio dall’olio di CBD.

In particolare, l’olio di CBD può aiutare a superare nausea e vomito a causa della chemio.

L’effetto anti-cancro della cannabis non è una novità. Dagli anni ’70, sono state condotte ricerche su THC e CBD. Ci sono prove che la cannabis può uccidere le cellule tumorali, rallentare la crescita del tumore e prevenire le metastasi. Ciò non significa, tuttavia, che la cannabis sia in grado di curare il cancro.

Sapete che molti studi sono effettuati in vitro, solo su cellule (tumorali), in provette o capsule di Petri, e non sul corpo umano nel suo insieme.

In vitro, molte sostanze sembrano rallentare la crescita delle cellule tumorali, che, sfortunatamente, non riflettono realmente il loro effetto sulle cellule tumorali nel corpo. Ad esempio, le cellule tumorali muoiono quando vengono immesse nel cloro. Ovviamente, questo non ti aiuterà perché bere cloro ti ucciderà.

Il CBD ha un effetto anti-infiammatorio. Questo è il motivo per cui il CBD può, in teoria, essere utile per il trattamento del cancro. Ma come abbiamo visto, non è mai stato provato che il CBD abbia un effetto sul cancro. Ad oggi, la cannabis è utile solo per trattare i sintomi del cancro. Aiuta ad alleviare il dolore, calmare l’ansia, dormire meglio e combattere la nausea.

Finora, l’effetto del CBD e/o del THC sul cancro è stato dimostrato solo in un numero limitato di studi su topi con qualche forma di cancro e in campioni da laboratorio.

Inoltre, tutte le sostanze antinfiammatorie sono potenzialmente utili per le persone con cancro o almeno per prevenire il cancro. Gli integratori alimentari con potenti effetti anti-infiammatori includono anche la curcuma.

Gli oncologi hanno familiarità con l’azione e i benefici del THC e del CBD nei pazienti oncologici. Nei paesi in cui è autorizzata la cannabis terapeutica, un oncologo può prescriverli ai suoi pazienti se ritiene che possano trarne beneficio. Un’altra soluzione è provare l’olio di CBD per determinare se può alleviare i sintomi.

Beneficio 5: trattamento dei disturbi neurodegenerativi

Un recettore presente nel cervello (CB1) è coinvolto in malattie neurodegenerative. Queste sono malattie che causano un progressivo deterioramento del cervello e dei nervi.

Il CBD agisce su questo recettore e ha anche un effetto antinfiammatorio, che è importante per il trattamento delle malattie neurodegenerative. I ricercatori esaminano il valore del CBD per il trattamento delle seguenti malattie:

  • Sclerosi multipla
  • Morbo di Parkinson
  • Ictus
  • Morbo di Alzheimer (la forma più comune di demenza)

Il caso particolare del Parkinson

Attualmente incurabile, la malattia di Parkinson si sviluppa lentamente e gradualmente. Le persone con questa malattia perdono gradualmente alcuni neuroni, quindi non possono più produrre dopamina. Questa malattia si manifesta con tremori, difficoltà a parlare e rigidità nelle braccia e nelle gambe.

Le caratteristiche visibili (tremori e discorsi distorti) rendono facile determinare se l’olio di CBD ha un effetto positivo. Su internet, ci sono diversi video di persone affette dal morbo di Parkinson che, dopo aver assunto olio di CBD mostrano maggiore calma nei movimenti e nelle parole.

Per trattare la malattia di Parkinson, è meglio prendere una combinazione di olio di CBD e olio di THC. Questo favorisce il rilassamento dei muscoli.

L’interesse dell’olio di CBD/THC per le persone con malattia di Parkinson è ampiamente dedotto dalle opinioni degli utenti che girano online; la ricerca scientifica è ancora limitata.

Beneficio 6: trattamento dell’acne

Gli ormoni e l’infiammazione svolgono un ruolo cardine nell’acne. L’eccessiva produzione di sebo provoca l’accumulo di cellule morte nel follicolo pilifero, il che può portare a infiammazione. A causa dei cambiamenti ormonali che si verificano durante la pubertà, c’è una sovrapproduzione di sebo che può scatenare l’acne. I batteri possono crescere nei follicoli piliferi e i segni di infiammazione sono visibili come noduli rossi.

L’olio di CBD fa rallentare l’attività delle ghiandole sebacee, riducendo la produzione di sebo. Inoltre, l’olio di CBD ha un effetto anti-infiammatorio che promuove il trattamento dell’acne.

Beneficio 7: sollievo dall’emicrania

Un attacco di emicrania dura tra le 4 e le 72 ore; l’emicrania è molto più intensa di un normale mal di testa dovuto, per esempio, a stress o allergia. Durante un attacco di emicrania, spesso non hai altra scelta che andare a letto, prendere antidolorifici e sperare che passi presto.

Gli antidolorifici, tuttavia, hanno lo svantaggio di avere effetti collaterali e spesso offrono solo un leggero sollievo. In uno studio condotto su 48 persone, il 40% dei partecipanti ha avuto meno emicranie assumento l’olio di CBD.

Un altro studio su 26 partecipanti ha scoperto che le persone che hanno usato l’olio di CBD hanno una qualità di vita migliore rispetto a coloro che hanno usato antidolorifici.

Questi sono solo alcuni piccoli studi; tuttavia, sembra utile provare l’olio di CBD se soffri spesso di emicrania.

In caso di attacco acuto di emicrania, puoi anche inalare l’olio di CBD usando un vaporizzatore. Pertanto, i principi attivi passeranno quasi immediatamente nel sangue.

Beneficio 8: trattamento della fibromialgia

La fibromialgia è una condizione che causa forti dolori cronici nei muscoli e nel tessuto connettivo, oltre a rigidità in tutto il corpo.

Poiché l’olio di CBD ha un effetto analgesico, non sorprende che il suo consumo sia benefico per alcune persone con fibromialgia. Tuttavia, vi è ancora una mancanza di prove scientifiche convincenti a questo proposito.

Beneficio 9: miglioramento del sonno

Molte persone soffrono di disturbi del sonno. Circa il 10% della popolazione soffre di insonnia cronica e il 30% lo sperimenterà a un certo punto della propria vita.

La marijuana è ben nota per aiutare con i disturbi del sonno. L’uso di marijuana con valori elevati di THC riduce la durata del sonno REM. Questo è utile nel disturbo da stress post-traumatico (PTSD) perché uno sogna meno e ha meno incubi.

Il CBD è più adatto del THC per l’insonnia, invece.

Con il CBD ci si gode un sonno più profondo anche quando si sogna di meno. Il sonno profondo è la fase più importante del sonno: è la fase più ristoratrice e calma.

Le recensioni degli utenti rivelano che il CBD migliora il sonno per molte persone, mentre altri traggono maggiore beneficio dal THC. Ancora una volta, è una questione di provare cosa vada bene per sé stessi. Tuttavia, sebbene il THC possa risolvere i disturbi del sonno a breve termine, è dimostrato che il THC può influenzare la qualità del sonno a lungo termine.

Cosa pensano gli utilizzatori dell’olio CBD

È ovviamente estremamente interessante leggere le recensioni del CBD sulle persone che assumono o hanno assunto l’olio di CBD, soprattutto perché pochi studi scientifici sono stati condotti su questo argomento.

Abbiamo raccolto un numero di opinioni interessanti per te su diversi forum.

Ci sono anche molte recensioni degli utenti sui siti web che vendono olio di CBD. Non le includiamo qui perché non possiamo valutare quanto siano moderate queste opinioni dai proprietari di questi siti.

Se cerchi su Google in inglese, ad esempio “recensione dell’olio CBD”, troverai molto. Il meglio che puoi fare è chiedere un consiglio.

Raccomandiamo anche di andare su YouTube per ascoltare le opinioni di altre persone sull’olio CBD. Ci sono molti documentari interessanti (principalmente in inglese) e altri video su YouTube.

Effetti collaterali

L’olio di CBD non ha praticamente effetti collaterali. Non comporta un rischio di dipendenza e non ha effetti psicoattivi.

Sulla base di studi clinici condotti nel 2010, i ricercatori hanno concluso che il CBD può essere usato in sicurezza ed è ben tollerato.

Il consumo di olio di CBD, tuttavia, causa effetti collaterali in alcune persone. Ecco questi effetti collaterali:

  • nausea
  • disturbi del sonno
  • irritabilità
  • secchezza orale
  • ipotensione
  • rallentamento della digestione
  • vertigini
  • allucinazioni
  • sonnolenza
  • sbalzi d’umore

Una dose troppo elevata di olio di CBD aumenta il rischio di effetti collaterali. Se l’olio di CBD non è puro (e contiene THC), c’è il rischio di manifestare effetti collaterali, comprese allucinazioni. Cambiare l’olio di CBD può essere una soluzione.

Quale olio di CBD comprare

Alcuni oli CBD hanno concentrazioni relativamente elevate di THC.

Tuttavia, in Italia, i prodotti CBD sono proibiti se contengono THC, indipendentemente dalla percentuale, e se non sono ottenuti da varietà e parti di piante autorizzate (semi e fibre).

Inoltre, la presenza di THC nell’olio CBD non è auspicabile: il THC può influenzare la capacità di guidare e causare sonnolenza, allucinazioni e aumento della frequenza cardiaca. È quindi importante assicurarsi che l’olio di CBD acquistato non causi effetti collaterali come allucinazioni o incubi. Questi effetti collaterali indicano la contaminazione da THC.

Ci sono quasi sempre tracce di THC nella canapa industriale e quindi nell’olio di CBD. Queste piccole tracce non causano effetti collaterali. C’è anche olio di CBD garantito senza THC. Questo olio è prodotto utilizzando un processo costoso. La maggior parte degli oli CBD disponibili in commercio non sono prodotti da questo costoso processo. In effetti, questo non è in linea di principio necessario perché la canapa industriale contiene solo piccole quantità di THC.

Al momento dell’acquisto di olio CBD dovrai affrontare il discorso relativo alle percentuali. Queste percentuali indicano la quantità relativa di CBD contenuta. Maggiore è la percentuale, più è concentrato l’olio e meno è necessario assumerne per ottenere lo stesso effetto.

Si potrebbe pensare che sia sufficiente comprare il marchio che indica la percentuale più alta. Sfortunatamente, le cose non sono così semplici. Ciò che l’etichetta dice non corrisponde necessariamente alla realtà. Ad esempio, l’etichetta potrebbe visualizzare il 10% mentre la percentuale effettiva è 1%.

Il nostro consiglio, se si desidera acquistare olio CBD, è rivolgersi all’affidabilità del marchio, all’opinione degli altri utenti e alle proprie esperienze.

Se è la prima volta che acquisti un olio di CBD, opta per una piccola bottiglia da 10 ml. Se ti piace il marchio, puoi sempre comprare una bottiglia più grande la prossima volta. È relativamente più economico ma una bottiglietta può comunque costare più di 100 € per alte concentrazioni.

Quando si confrontano gli oli, ricordare che un olio al CBD al 10% è 4 volte più forte di un olio al 2,5%, ovviamente. Avrai bisogno di un quarto del concentrato per ottenere lo stesso effetto.

Un’altra opzione è quella di produrre il vostro olio CBD da soli.

Per concludere

Abbiamo cercato di affrontare i presunti benefici dell’olio di CBD nel modo più oggettivo possibile.

Abbiamo incluso qui solo i benefici sufficientemente documentati da prove scientifiche. Non abbiamo preso in considerazione alcun beneficio confermato da uno studio ma invalidato da un altro. Le prove scientifiche non sono (ancora) sufficienti.

Inoltre, numerosi studi sono stati condotti su topi e in provette. Abbiamo anche escluso tali studi perché i loro risultati non riflettono necessariamente gli effetti sull’uomo.

Credi nel potere della natura?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, rimedi naturali e avere informazioni su tutto ciò che riguardi il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.