Superalimenti

Tè verde, 15 motivi per berlo

te verde con foglie

Il tè verde fa bene alla salute. Ci sono molti benefici che il tè verde procura all’organismo.

Aiuterebbe a perdere peso e bruciare il grasso addominale.

Il tè verde è sano come si dice? Aiuta davvero a perdere peso?

I punti di vista sono tanti e a dire il vero è difficile che siano contrapposti, almeno su tè verde sono (quasi) tutti d’accordo.

Abbiamo condotto le nostre indagini per scoprire quali sono i benefici scientificamente provati del tè verde e vorremmo condividerle con voi.

Cosa è il tè verde

Il tè verde è ricavato dalle stesse foglie del tè “ordinario” che tutti conosciamo.

In Occidente, il tè nero rappresenta oltre il 90% delle vendite di tè. Per molto tempo è stato l’unico tipo di tè bevuto nel mondo occidentale.

In Cina, Afghanistan e Giappone, sono passati secoli da quando gli abitanti hanno iniziato a bere il tè verde. Grazie ai suoi benefici per la salute, tuttavia, il tè verde viene consumato sempre più in anche in occidente.

La leggenda narra che il tè fu scoperto quando le foglie del tè caddero nella tazza di acqua calda del leggendario imperatore cinese Shennong. L’acqua era diventata fragrante, colorata e aromatizzata. Il tè era nato.

I tè verdi, neri e bianchi sono fatti con foglie di tè (Camellia sinensis). La differenza tra questi tè sta nel tempo di ossidazione delle foglie.

La produzione di tè nero richiede una maggiore ossidazione delle foglie. Oltre a causare l’annerimento delle foglie, questa ossidazione aiuta a preservare il sapore del tè più a lungo, per decenni. Questo è ciò che in passato ha permesso l’esportazione di tè nero dall’Estremo Oriente.

Il processo di ossidazione viene avviato immediatamente dopo il raccolto. Le foglie di tè vengono quindi esposte al vapore caldo. Gli enzimi presenti nelle foglie di tè provocano l’ossidazione dei polifenoli.

Dopo l’ossidazione, le foglie vengono arrotolate e quindi asciugate. Il tè è quindi pronto per l’uso.

Per preparare il tè bianco vengono utilizzati i boccioli chiusi che vengono asciugati immediatamente dopo la cottura a vapore. Il tè bianco meno elaborato è il più ricco di antiossidanti, contiene anche più nutrienti del tè verde.

Il tè nero e il tè verde sono preparati diversamente. Per preparare il tè nero puoi usare l’acqua appena bollita, mentre per il tè verde è meglio usare l’acqua a 70-80° centigradi. Altrimenti il tuo tè verde sarà troppo amaro.

Contenuto di caffeina nel tè verde

Quando si tratta di caffeina non importa se si beve tè verde o tè nero, entrambi ne contengono la stessa quantità. Una tazza di tè verde contiene da 20 a 50 mg di caffeina. In confronto, una tazza di caffè contiene circa 80 mg di caffeina e una lattina di coca 40 mg.

È considerato sicuro consumare fino a 400 mg di caffeina al giorno. Quando superi questa dose potresti riscontrare alcuni effetti collaterali, come:

  • mal di testa
  • disturbi del sonno
  • palpitazioni
  • ansia
  • acufeni
  • tremori
  • agitazione
  • irritabilità

Quando invece si è abituati a consumare una grande quantità di caffeina e si vuole ridurre il proprio consumo si manifestano sintomi tipici delle astinenze.

Tè verde per perdere peso

Il tè verde è la pozione miracolosa che ti aiuterà a perdere peso? Si può dire che a causa del suo contenuto di caffeina il tè verde provoca un temporaneo aumento del metabolismo. Ma ovviamente vogliamo sapere cosa dice la scienza.

Abbiamo trovato tre studi che dimostrano che bere il tè verde porta a una perdita di grasso corporeo, in particolare di grasso addominale, un tipo di grasso che è sia sgradevole alla vista che pericoloso per la salute.

Questi studi concludono che il tè verde aiuta a perdere peso ma non in maniera diretta: è una specie di illusione. In realtà aumenta il consumo di tè verde nelle persone che seguono una dieta dimagrante, quindi di conseguenza si registra una diminuzione statistica del peso.

Non aspettarti che bere il tè ti faccia perdere peso se non cambi le tue abitudini alimentari. Il tè è semplicemente una variante poco calorica degli spuntini tradizionali.

Benefici del tè verde

Il tè è più di una semplice acqua calda aromatizzata. Le foglie di tè rilasciano nutrienti ricchi di benefici per la salute quando sono immerse in acqua ad elevata temperatura.

Se il tè verde ha così tanti benefici, è grazie al suo alto contenuto di antiossidanti. Gli antiossidanti proteggono il corpo dai radicali liberi. Un eccesso di radicali liberi è dannoso per la salute perché causa l’ossidazione di tessuti e cellule. Questo perché i radicali liberi reagiscono con il DNA delle cellule del nostro corpo.

L’alterazione del DNA delle nostre cellule è considerata una delle possibili cause del cancro e dell’invecchiamento.

I radicali liberi derivano in particolare dall’inquinamento atmosferico, dal fumo o anche dall’esposizione prolungata al sole oltre che da una cattiva alimentazione. Tra gli antiossidanti più noti ci sono le vitamine C ed E. I principali antiossidanti del tè verde sono i polifenoli come l’epigallocatechina gallato (noto anche come EGCG) che sono antiossidanti noti per la loro potenza.

Per massimizzare i benefici degli antiossidanti presenti nel tè verde bevi il tuo tè senza latte e non come spesso fanno gli inglesi.

In effetti, l’aggiunta di latte al tè diminuisce il suo contenuto di antiossidanti.

Meglio anche comprare tè di alta qualità. In effetti, la ricerca mostra una chiara correlazione tra il tè di scarsa qualità e il contenuto di fluoro.

Beneficio 1: riduce il rischio di cancro

Il tè verde riduce il rischio di alcune forme di cancro. Ciò è dovuto al suo alto contenuto di antiossidanti.

Riduce il rischio dei seguenti tumori:

  • Cancro al colon
  • Cancro al seno
  • Cancro alla prostata

È possibile che il tè verde riduca il rischio di altre forme di cancro. Tuttavia, non possiamo affermare ciò con certezza perché è necessario effettuare ulteriori ricerche a tale proposito.

Si può affermare con certezza che il tè verde riduce il rischio di cancro al colon. Una meta-analisi di 29 studi ha mostrato che il rischio è ridotto del 42% in media.

Un’altra meta-analisi ha dimostrato che bere il tè riduce il rischio di cancro al seno dal 20% al 30%.

Meno studi sono stati fatti sul rischio di cancro alla prostata. Uno studio, tuttavia, mostra una riduzione del rischio del 48%.

Beneficio 2: riduce il rischio di infezioni

A causa della sua azione antivirale e antibatterica, il tè riduce il rischio di infezione e il rischio di essere influenzato per colpa di virus stagionali.

Beneficio 3: promuove la salute orale

Gli studi dimostrano che il tè verde inibisce la proliferazione dei batteri responsabili della formazione della placca, riducendo così il rischio di carie e gengiviti.

Per questo effetto di inibizione batterica è necessario che la cavità orale sia a contatto con i polifenoli del tè verde. Questo contatto ha luogo quando si beve il tè verde.

Pertanto, l’assunzione di capsule con estratto di tè verde non migliora l’igiene orale.

Beneficio 4: rinfresca l’alito

Grazie al suo effetto inibitore sulla proliferazione dei batteri nella cavità orale, il tè verde aiuta a combattere l’alitosi.

Beneficio 5: migliora la funzione cerebrale

Il tè verde contiene caffeina, nota per il suo effetto stimolante. La caffeina causa il rilascio di una mggior quantità di neurotrasmettitori come la dopamina e la norepinefrina.

La caffeina ha l’effetto di migliorare la capacità di reazione, la memoria e l’umore.

Anche il caffè ha questo effetto che non è esclusivo del tè. Oltre alla caffeina, il tè verde contiene anche l’aminoacido L-teanina. Questo amminoacido aumenta la produzione di dopamina e incrementa le onde alfa nel cervello riducendo l’ansia.

Gli studi dimostrano che la combinazione di caffeina e L-teanina migliora la funzione cerebrale.

Beneficio 6: riduce il rischio di malattie cardiovascolari

Il tè verde è ricco di antiossidanti, quindi probabilmente non sarai sorpreso di leggere che riduce il rischio di malattie cardiovascolari.

Un aumento del colesterolo totale, del colesterolo LDL e dei livelli di trigliceridi indica un aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Il tè verde aumenta la quantità di antiossidanti nel sangue e quindi aiuta a prevenire l’ossidazione delle particelle di colesterolo LDL, il che diminuisce il rischio di malattie cardiovascolari.

E non è solo una teoria. Gli studi dimostrano che i bevitori di tè verde hanno un rischio di malattie cardiovascolari fino al 31% più basso.

Beneficio 7: aiuta a combattere l’invecchiamento

Il cancro e le malattie cardiovascolari sono le principali cause di morte nella società occidentale. Poiché il tè verde riduce il rischio di cancro e malattie cardiache la conseguenza logica è che i bevitori di tè verde vivono più a lungo. Diversi studi hanno esaminato il problema.

Uno studio di sei anni su 14.000 giapponesi ha riscontrato un minor numero di decessi nel corso della durata dello studio tra coloro che hanno consumato più tè verde.

Uno studio più ampio su 40.000 adulti giapponesi ha anche dimostrato che i più grandi bevitori di tè verde vivevano più a lungo. I partecipanti a questo studio sono stati seguiti per 11 anni.

Questo studio ha rilevato che i più grandi bevitori di tè verde sono morti meno spesso per malattie cardiovascolari o ictus.

Beneficio 8: riduce il rischio di Alzheimer e Parkinson

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Questa forma di demenza inizia con la perdita di memoria a breve termine e un deterioramento della memoria a lungo termine successivamente. Con il progredire della malattia diventa più difficile svolgere perfino i compiti quotidiani.

Sfortunatamente, non esiste ancora una buona terapia per il morbo di Alzheimer e il suo sviluppo solleva ancora molte domande. In ogni caso, è noto che lo stress ossidativo e l’infiammazione giocano un ruolo cardine nella malattia di Alzheimer.

Anche la malattia di Parkinson è una malattia incurabile. Il Parkinson è caratterizzato da una diminuzione della produzione di dopamina dovuta alla distruzione di una importante quota di neuroni nel cervello. Questa malattia è caratterizzata da difficoltà a parlare, tremori e rigidità nelle braccia e nelle gambe.

La malattia di Parkinson è, dopo il morbo di Alzheimer, la più comune malattia neurodegenerativa.

Test su provette e animali da laboratorio hanno dimostrato che il tè verde ha effetti protettivi sui neuroni nel cervello e può quindi ridurre il rischio di malattia di Alzheimer e di Parkinson.

Si noti che la combinazione di olio di CBD e olio di THC è il prodotto naturale che ha avuto più successo nelle persone con malattia di Parkinson. In effetti, questa combinazione di cannabinoidi favorisce il rilassamento muscolare.

La curcumina può anche essere utile nella prevenzione della malattia di Alzheimer. Anche in questo caso i risultati sono promettenti, più del tè verde.

Beneficio 9: riduce il rischio di diabete di tipo 2

Molti milioni di persone soffrono di diabete di tipo 2. Ogni anno, le complicazioni di questa malattia uccidono molte persone.

Si pensa spesso che il diabete di tipo 2 sia una malattia cronica. Ma non è del tutto così. In molti casi è ancora possibile invertire la malattia attraverso cambiamenti (drastici) nel proprio stile di vita.

Il problema è che le persone con diabete di tipo 2 non sono più sensibili all’insulina. Si parla infatti anche di insulino-resistenza. Il pancreas reagisce producendone di più ed esaurendosi gradualmente, con i l risultato finale di avere la glicemia molto alta.

Gli studi dimostrano che il tè verde aiuta a migliorare la sensibilità all’insulina e quindi a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

Sono stati esaminati sette studi per un totale di 286.000 persone. Questa meta-analisi ha rilevato che i bevitori di tè verde avevano il 18% in meno di probabilità di soffrire di diabete di tipo 2.

Beneficio 10: aumenta il metabolismo

Aumentare il metabolismo di una persona è utile nel trattamento o nella prevenzione delle condizioni sovrappeso e obesità. Il tè verde ha questo effetto sul metabolismo sebbene l’evidenza non sia sempre statisticamente significativa.

Alcuni studi hanno dimostrato che il tè verde favorisce la combustione dei grassi, specialmente nell’addome.

Beneficio 11: migliora le prestazioni

Questo effetto è dovuto alla presenza di caffeina nel tè verde. La caffeina migliora le prestazioni fisiche perché può rendere disponibili i depositi di grasso come fonti di energia.

Gli studi dimostrano che la caffeina aumenta la prestazione fisica dall’11% al 12%.

L’effetto della caffeina sulle prestazioni è particolarmente importante per gli atleti di endurance. Questo probabilmente non è il caso dei bodybuilder. Gli effetti positivi osservati negli atleti concentrati sulla resistenza potrebbero essere spiegati dal rilascio di energia dalle riserve di grasso, stimolato dalla caffeina.

Poiché la caffeina è presente in un numero molto elevato di alimenti, l’Agenzia mondiale antidoping l’ha rimossa dall’elenco delle sostanze vietate nel 2004. La caffeina può quindi essere vista come una forma legale di doping in questo senso, seppur molto blanda.

Beneficio 12: fa bene al fegato

Il tè verde può ridurre l’infiammazione causata da malattie epatiche come la condizione di un feato grasso non dipendente dall’alcol (NAFLD e steatoepatite non alcolica).

Beneficio 13: fa bene alla pelle

Per la cura della pelle, il tè verde deve essere applicato sulla pelle. Il tè verde ha un effetto contro l’invecchiamento della pelle e aiuta a combattere l’acne. È anche utile in caso di problemi della pelle come verruche, dermatiti e rosacea.

 Beneficio 14: è utile nell’artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è caratterizzata da infiammazione cronica delle articolazioni. Le articolazioni sono dolorose e rigide, specialmente quelle dei polsi, delle mani e dei piedi.

I ricercatori dell’Università del Michigan hanno scoperto che un composto trovato nel tè verde riduce la produzione di molecole che attivano l’infiammazione del sistema immunitario e il dolore alle articolazioni.

Un’altra pubblicazione indica che una sostanza trovata nel tè verde può aiutare a proteggere la cartilagine e le ossa, una risorsa per le persone con artrite reumatoide.

Beneficio 15: è utile in caso di ipertrofia della prostata

L’ipertrofia prostatica benigna (HPB) è caratterizzata da un aumento delle dimensioni della prostata. Colpisce la maggior parte degli uomini di età avanzata. La prostata che circonda l’uretra, quando ingrossata, causa problemi di minzione.

Pare che il tè verde sia in grado di contrastare questi effetti e agire positivamente sulla preservazione delle dimensioni fisiologiche della prostata.

Effetti collaterali e controindicazioni

I principali effetti collaterali del tè verde sono causati dalla caffeina che potrebbe causare:

  • mal di stomaco
  • insonnia
  • tachicardia
  • mal di testa
  • effetti indesiderati in casi di ipertensione

Il consiglio che vi diamo è quello di non consumare più di 5 tazze di tè verde al giorno. In caso vogliate berne di più potrete provare il tè decaffeinato.

Evitarne il consumo prima di andare a dormire è utile per chi ha problemi con il sonno poiché la caffeina potrebbe ipereccitare.

I tannini contenuti che si trovano nel tè verde riducono l’assorbimento del ferro, quindi non andrebbe consumato quando già si assumano integratori a base di ferro.

Il tè verde minimizza l’effetto dell’acido folico, sostanza che aiuta a diminuire il rischio di spina bifida e di parto prematuro. Assumerne troppo può esporre al rischio di aborto spontaneo.

Le catechine contenute sono indice di una possibile intossicazione epatica qualora vengano assunte in eccesso. Per questo è meglio bere il tè verde lontano dai pasti.