Diete

Dieta del Riso, come funziona e perché

dieta riso img

Un nuovo studio condotto in 136 paesi sostiene che l’aumento del consumo di questo alimento, inteso per persona, fino a 50 grammi al giorno potrebbe ridurre la prevalenza globale dell’obesità dell’1%.

Il riso è una pianta erbacea della famiglia delle Poaceae. Il riso è stato coltivato ​​e consumato in Cina per oltre 5.000 anni.

In Europa, il suo consumo è cresciuto in Grecia, Turchia, Romania, Ungheria e Italia oltre che in Spagna.

È ampiamente coltivato in cinque continenti, nelle regioni paludose con un clima temperato o caldo e umido. È il cereale più diffuso al mondo, e ne emergono continuamente nuove varietà. Esistono più di duemila varietà di riso, ma solo alcune sono coltivate regolarmente a scopi industriali e alimentari.

Riso e obesità

I ricercatori giapponesi hanno presentato al 26° congresso europeo sull’obesità, tenutosi a Glasgow, in Scozia, i dati di un nuovo saggio, che piacerà sicuramente agli amanti di questo cibo. Apparentemente, i tassi di obesità sono più bassi nei paesi in cui viene consumato più riso! A tal proposito, il team guidato da Tomoko Imai, del Doshisha Women’s College of Liberal Arts di Kyoto, ha analizzato il consumo di questo grano in 136 paesi con una popolazione di oltre 1 milione di abitanti. Lo studio è stato condotto mediante una meta-analisi dei dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Il riso è uno dei cereali più consumati al mondo. È l’alimento base per gran parte della popolazione mondiale, in particolare nel sud-est asiatico, in Medio Oriente, in America Latina e nelle Indie occidentali. È il cereale con la maggior produzione al mondo dopo il mais.

Gli autori della sperimentazione hanno diviso i paesi in due gruppi:

  • uno con bassi livelli di consumo di riso,
  • l’altro con livelli più alti.

I primi, che consumavano 150 grammi di riso al giorno, in media, erano molto meno sensibili all’obesità rispetto ai rappresentanti dei paesi in cui mangiano appena 14 grammi al giorno di media.

Il legame tra assunzione di riso e obesità è persistito anche dopo aver tenuto conto di altri fattori di rischio socioeconomici e di stile di vita, tra cui consumo totale di energia, istruzione, fumo, prodotto interno lordo pro capite e spesa in salute. I ricercatori stimano che anche un moderato aumento del consumo medio di questo alimento (50g al giorno, l’equivalente di un quarto di tazza) potrebbe ridurre l’incidenza dell’obesità dell’1%.

Oltre al fattore strettamente metabolico per cui il riso abbasserebbe il rischio di obesità, nel resto dei casi, è un alimento saziante, il che è un vantaggio notevole, ma il suo apporto calorico dipende dal modo di cucinarlo. I ricercatori, in generale, affermano che le persone che consumano livelli più alti di fibre alimentari e cereali integrali hanno un peso corporeo e un livello di colesterolo più bassi e incidenze più basse di malattie rispetto alle persone che non ne assumono, tuttavia. L’effetto del consumo di riso sull’obesità non è ancora del tutto chiaro, sappiamo solo che favorisce a ridurla.

I dettagli della dieta

La dieta del riso è dunque una buona opzione per perdere peso senza morire di fame. Oltre a essere nutriente, è versatile, poiché possiamo preparare più piatti. Oggi ti insegniamo come preparare la dieta del riso, il tempo che ti serve per preparare i piatti, e un menù in modo da poterlo seguire passo dopo passo.

Quanto dura

La dieta del riso è una dieta settimanale. Cioè, dopo una settimana mostrerà già i risultati, aiutandoti a perdere peso riducendo le calorie. Il riso è un ingrediente nutriente che può essere preparato in molti modi, il che non renderà la nostra dieta monotona. In una settimana, il riso ci aiuterà a purificare il nostro corpo e vincere la battaglia con i chili di troppo.

Cosa considerare prima

Prima di iniziare a fare la dieta del riso ci sono alcuni aspetti che dovresti prendere in considerazione. Prendi nota di questi suggerimenti che ti daremo.

  • Affinché la dieta del riso sia davvero efficace, dovresti assumere solo riso integrale (o almeno, in maggior parte), poiché ci sono alcune differenze tra riso bianco e riso integrale in termini di valori nutrizionale. Mentre il riso integrale può aiutarti a perdere peso, il bianco potrebbe farti addirittura ingrassare se abusato.
  • Includi sempre una buona porzione di verdure (carote, sedano, etc) nel tuo piatto di riso integrale.
  • Quando si tratta di condimenti, optare per spezie e olio extra vergine di oliva, riducendo l’assunzione di sale.
  • Accompagna la tua dieta con un po’ di esercizio fisico e sii motivato ogni giorno nel fare una regolare attività aerobica.

Il menù

Ecco dunque un menù tipo per avere chiaro cosa significhi seguire una tipica dieta del riso.

Lunedì

Colazione: un bicchiere di latte scremato con un cucchiaino di zucchero, 3 cracker di riso e una tazza di caffè o tè.

Metà mattinata: 150 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: 150 grammi di nasello al vapore, insalata mista (condita con un cucchiaino di olio d’oliva, limone e sale) e 2 crackers di riso integrale.

Spuntino: 150 grammi di frutta di stagione.

Cena : 75 grammi di risotto ai funghi, 2 pezzi di frutta di stagione e uno yogurt.

Martedì

Colazione: un bicchiere di latte scremato con un cucchiaino di zucchero o miele, 3 cracker di riso e una tazza di caffè o tè.

Metà mattinata: 150 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: riso integrale con carciofi, condito con succo di limone e olio d’oliva vergine, una ciotola di fragole.

Spuntino: 150 grammi di frutta di stagione.

Cena: 2 uova cotte con verdure bollite con 30 grammi di riso integrale, insalata mista con un cucchiaino di olio d’oliva e limone.

Mercoledì

Colazione: un bicchiere di latte scremato con un cucchiaino di zucchero o miele, 3 cracker di riso, una tazza di caffè o tè.

Metà mattinata: 150 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: 100 grammi di carne magra (coniglio, tacchino, pollo) alla griglia, spinaci bolliti (conditi con un cucchiaino di olio extra vergine di oliva e limone), 2 crackers di riso.

Spuntino: 150 grammi di frutta di stagione.

Cena: 2 pomodori ripieni di riso integrale bollito e verdure, contorno di cavolfiore condito con un cucchiaino di olio d’oliva, uno yogurt.

Giovedì

Colazione: un bicchiere di latte scremato con un cucchiaino di zucchero o miele, 3 cracker di riso, una tazza di caffè o tè.

Metà mattinata: 150 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: 60 grammi di ricotta, insalata di riso integrale (con verdure fresche e condite con olio d’oliva e succo di limone) e 2 fette di pane integrale.

Spuntino: 150 grammi di frutta di stagione.

Cena: 80 grammi di riso integrale con salsa di pomodoro naturale, 2 fette di pane integrale con carciofi e prosciutto con un cucchiaino di olio d’oliva vergine.

Venerdì

Colazione: un bicchiere di latte scremato con un cucchiaino di zucchero o miele, 3 cracker di riso, una tazza di caffè o tè.

Metà mattinata: 150 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: insalata di pollo alla griglia con verdure (a scelta) ricoperta da un cucchiaino di olio d’oliva e limone, 2 crackers di riso.

Spuntino: 150 grammi di frutta di stagione.

Cena: 80 grammi di riso integrale con pomodoro e funghi naturali, finocchi al vapore e yogurt.

Sabato

Colazione: un bicchiere di latte scremato con un cucchiaino di zucchero o miele, 3 cracker di riso e una tazza di caffè o tè.

Metà mattinata: 150 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: 60 grammi di riso integrale con 50 grammi di tonno in salamoia; peperoni grigliati, conditi con un cucchiaino di olio d’oliva e limone.

Spuntino: 150 grammi di frutta di stagione.

Cena: verdure grigliate condite con un cucchiaino di olio d’oliva o miele, uno yogurt naturale e 1 cracker di riso.

Domenica

Colazione: un bicchiere di latte scremato con un cucchiaino di zucchero o miele, 3 cracker di riso e una tazza di caffè o tè.

Metà mattinata: 150 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: 60 grammi di risotto allo zafferano, insalata mista con olio d’oliva vergine e limone, una porzione di pan di spagna con farina integrale.

Spuntino: 150 grammi di frutta di stagione.

Cena: 150 grammi di petto di pollo o tacchino grigliato, con insalata di spinaci condita con un cucchiaino di olio d’oliva e limone.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.