Rimedi Naturali

Rimedi naturali per bruciore di stomaco e gastrite

bruciore stomaco gastrite

La gastrite è essenzialmente un’infiammazione del rivestimento interno dello stomaco. Questa membrana interna può erodersi per diversi motivi e portare a un’ulcera.

Il rivestimento dello stomaco è responsabile della produzione di acidi e di diversi enzimi per la digestione. In uno stato infiammato, la quantità di questi acidi prodotta va ad erodere le pareti e dare dei sintomi piuttosto fastidiosi.

La gastrite può essere acuta o cronica

La gastrite acuta è un’infiammazione improvvisa del rivestimento dello stomaco, ed è spesso erosiva ed emorragica. Le cause più comuni sono l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), corticosteroidi, esposizione a sostanze e conizioni ad azione diretta come alcol, stress come gravi ustioni, infarto del miocardio e lesioni intracraniche e, durante il periodo postoperatorio, durante la chemioterapia e durante ischemia.

La gastrite cronica può essere causata da un’infezione di un batterio chiamato Helicobacter Pylori o per cause autoimmuni, in questo caso l’infiammazione della mucosa è cronica.

Ecco tutti i trattamenti naturali per la gastrite

In questo articolo troverai i migliori rimedi domestici per curare la gastrite nella lista qui di seguito. Provare per credere.

Aceto di mele

L’aceto di mele è fatto di liquido ottenuto da mele spremute. Viene spesso indicato come un antico rimedio popolare. Inoltre, anche le ricerche più recenti hanno dimostrato che il consumo di aceto di mele può avere molti benefici per la salute, incluso il sollievo dell’infiammazione dell’apparato digerente.

Insieme all’acido acetico, l’aceto contiene anche vitamine, sali minerali, aminoacidi, composti polifenolici (che hanno proprietà antiossidanti) e acidi organici non volatili.

Negli Stati Uniti, i prodotti a base di aceto devono contenere almeno il 4% di acido acetico per 100 ml, come specificato dalla Food and Drug Administration.

L’aceto di mele, oltre a moderare la produzione di acido in eccesso nello stomaco e ripristinare l’equilibrio, uccide anche i microrganismi che causano danni al rivestimento dello stomaco. La consistenza di questa bevanda ti aiuta ad alleviare il dolore proveniente dal rivestimento dello stomaco danneggiato grazie alle sue proprietà emollienti.

Succo di Aloe Vera

L’aloe vera contiene il 99% di acqua e l’altro 1% è composto da potenti ingredienti come vitamine, enzimi, minerali, aminoacidi, saponine, acidi grassi essenziali, antrachinoni, acido salicilico, polisaccaridi come glucomannano, mannosio e acemannano, steroli, tannini, steroli e glicoproteine.

Alcuni studi sono stati condotti sui benefici degli estratti di aloe vera per i sintomi della gastrite. In uno, l’aloctina, che è una glicoproteina presente nell’aloe vera, è stata somministrata ai ratti con gastrite. Si è scoperto che inibisce la quantità di succo gastrico e riduce le lesioni gastriche.

I benefici antinfiammatori dell’aloe vera sono stati studiati anche nei ratti infetti dai batteri H. pylori. I ratti infettati dai batteri sono stati divisi in 3 gruppi e un gruppo ha ricevuto 200 mg/kg di aloe vera due volte al giorno. Il succo di aloe vera è estremamente rilassante per lo stomaco irritato. Riduce anche l’infiammazione del rivestimento dello stomaco con la sua attività antinfiammatoria, fino ad agire sull’esofago. Essendo un agente antisettico, può anche inibire i batteri che causano l’infezione.

Bicarbonato di sodio

La chiave della capacità del bicarbonato di sodio di trattare la gastrite associata all’eccesso di acido nello stomaco sta nella sua capacità di neutralizzarlo. In effetti, il pancreas produce naturalmente bicarbonato di sodio per proteggere l’intestino. Come antiacido assorbibile, il bicarbonato di sodio neutralizza rapidamente l’acido gastrico e allevia i sintomi della gastrite.

Si ritiene che il bicarbonato di sodio imiti gli effetti della produzione naturale di bicarbonato di sodio nel corpo. Lo stesso tipo di bicarbonato di sodio che usi per cuocere o per assorbire gli odori dal tuo frigorifero può neutralizzare l’acido gastrico.

Tuttavia, tieni presente che mentre il bicarbonato di sodio fornisce un rapido sollievo, questo metodo non è adatto a tutti. La causa più comune di tossicità del bicarbonato di sodio è l’uso eccessivo. Dovresti evitare l’uso di bicarbonato di sodio se stai seguendo una dieta a basso contenuto di sodio. Un mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio contiene circa un terzo dell’assunzione di sodio raccomandata durante il giorno. ingredienti

Dieta anti-infiammatoria

La gastrite riguarda l’infiammazione del rivestimento dello stomaco, quindi consumare una dieta che aiuta a minimizzare l’infiammazione può fornire sollievo nel tempo. Tuttavia, la ricerca non ha dimostrato in modo conclusivo che mangiare secondo una certa dieta anti-infiammatoria provochi o prevenga la gastrite. Tenendo un diario alimentare, è possibile identificare quali alimenti scatenino i sintomi. Quindi puoi iniziare a ridurre il consumo o evitare del tutto determinati alimenti.

La dieta antinfiammatoria dovrebbe includere anche i probiotici (batteri che stimolano la crescita della flora intestinale sana), in quanto possono aiutare a migliorare la digestione e stimolare i movimenti intestinali regolari. Gli integratori probiotici introducono batteri buoni nel tratto digestivo di una persona, il che può aiutare a fermare la diffusione di H. Pylori. Mangiare cibi che contengono probiotici può anche migliorare i sintomi della gastrite.

Tè verde con miele di manuka

Il tè verde e il miele di manuka possono aiutare ad alleviare i problemi di stomaco. Uno studio ha dimostrato che bere tè verde o nero almeno una volta alla settimana potrebbe ridurre significativamente la prevalenza di H. pylori nel tratto digestivo.

Anche il miele di Manuka può essere utile, poiché contiene proprietà antibatteriche che aiutano combattere le infezioni.

Alcune persone credono che bere acqua calda da sola possa già calmare lo stomaco e aiutare la digestione.

D’altra parte, fare pasti abbondanti, specialmente ricchi di carboidrati, può esercitare pressione sul sistema digestivo di una persona e aggravare la gastrite. Ciò è dovuto anche al maggiore volume gastrico che stimola i movimenti di contrazione dello stomaco, favorendo il contatto del cibo con la parete dello stomaco.

A sua volta, la presenza di cibo favorisce la secrezione di acido gastrico, innescando i sintomi tipici della gastrite. Eseguire piccoli pasti regolarmente durante il giorno può aiutare a facilitare il processo digestivo e ridurre i sintomi della gastrite. Inoltre, gli alimenti a basso contenuto di grassi e zuccheri vengono digeriti più facilmente. Una dieta a base di verdure, frutta, proteine ​​di alta qualità e grassi sani può aiutare a controllare l’infiammazione, consentire di mantenere un peso sano e prevenire carenze di vitamine, minerali e antiossidanti essenziali.

Oli essenziali

La ricerca ha scoperto che gli oli essenziali, come la citronella e la verbena di limone, aiutano ad aumentare la resistenza all’H. Pylori nei test di laboratorio.

Nutrizione liquida

I disturbi digestivi stanno crescendo nella nostra attuale società. Cattiva alimentazione, gonfiore, bruciore di stomaco, disturbi relativi ai gas digestivi e del colon sono i più comuni. Queste sindromi non sono normali e possono essere molto inficianti sulla vita quotidiana. Il digiuno e l’alimentazione liquida sono fondamentali nel processo di guarigione.

Una nutrizione liquida sotto forma di frullati, zuppe, succhi di frutta, etc. fornisce nutrienti chiave per supportare la guarigione senza favorire una irritazione meccanica.

Si consiglia di consumare un brodo di osso per 3-7 giorni, per iniziare. Quindi puoi consumare frullati di proteine ​​e possibilmente succhi verdi. Puoi consumare da 3 a 4 frullati ​​ogni giorno con latte di cocco, avocado, bacche e qualora praticassi sport anche una polvere proteica di alta qualità.

L’uso della nutrizione liquida sotto forma di frullati, brodo di ossa e succhi stimolerà delicatamente il processo digestivo, ingerendo più nutrienti per la guarigione gastrica e fornendo un’alimentazione adeguata al corpo. L’uso di proteine ​​in polvere o proteine ​​organiche di collagene nei frullati di latte di cocco o in un frullato mescolato con acqua è un ottimo modo per curare il rivestimento interno dello stomaco.

Digiuno intermittente

È un ottimo punto di partenza per ridurre lo stress gastrico. Il digiuno intermittente consiste nel trascorrere più tempo senza mangiare, il che limita naturalmente il cibo a un arco di tempo ristretto. I benefici del digiuno intermittente consistono nel fatto che permette allo stomaco di guarire riducendo l’infiammazione perché sottoposto a un minore stimolo continuato con alimenti (indipendentemente che siano lesivi o meno). Questo rimedio inoltre migliora la sensibilità ormonale e aumenta gli ormoni della crescita favorendo il processo brucia-grassi del corpo.

Il digiuno intermittente può essere utile da portare a termine con una dieta di eliminazione che riduce le tue sensibilità. Puoi iniziare con una finestra di intervallo veloce di 12 ore tra cena e colazione per 2 settimane. Quando ti senti a tuo agio, passa a 14 ore per 2 settimane. Continua così fino a quando non raggiungi un segmento di digiuno giornaliero da 16 a 18 ore.

Ridurre lo stress

Quando il corpo è sotto stress vi è una sovrapproduzione di acido gastrico ed enzimi. I succhi digestivi svolgono un ruolo protettivo nella sterilizzazione del cibo che mangiamo, che a sua volta mantiene l’equilibrio nel microbioma.

Mangiare mentre si è cronicamente stressati aumenta la secrezione di succo gastrico, facendo sì che il cibo rimanga nello stomaco e non digerisca correttamente. Questa stagnazione favorisce la crescita batterica e l’infiammazione alle base delle disbiosi. Questa crescita eccessiva di batteri produce tossine che entrano nel flusso sanguigno e causano più infiammazione in tutto il corpo.

Vitamina C

La terapia con vitamina C è vitale per la cura e la prevenzione di danni alla mucosa gastrica. Più bassi sono i livelli di vitamina C nel sangue, più è probabile che quella persona sia infetta da H. pylori.

La carenza di vitamina C è stata collegata direttamente a disturbi gastrici. La vitamina C svolge un ruolo chiave nella protezione e nella guarigione dello stomaco e della mucosa intestinale.

Cavolo o succo di cavolo

Il succo di cavolo è un popolare rimedio naturale contro la gastrite. È ricco di vitamina C, è anche un antiossidante che aiuta a prevenire e curare le infezioni da H. pylori.

Inoltre, il succo di cavolo è una delle principali fonti dell’amminoacido L-glutammina nonché di molti antiossidanti. Questi composti aiutano a proteggere e curare il rivestimento gastrico e prevenire e curare la sindrome della permeabilità intestinale.

Infine, il cavolo è una delle migliori fonti alimentari di S-metil-solfonio-metionina (MMS), che è stata nominata Vitamina U nel 1950 da Garnett Cheney per la sua insolita caratteristica anti-ulcerogena.

Zinco

Lo zinco è un oligoelemento essenziale che viene utilizzato largamente nel corpo e circa il 25% della popolazione mondiale ne è carente. Lo zinco è essenziale per la guarigione delle ferite in tutto il corpo ed è essenziale per la salute del sistema gastrointestinale.

Lo zinco-carnosina è uno zinco collegato al dipeptide L-carnosina. Un articolo del 2007 pubblicato sulla rivista medica “Gut” parlava della straordinaria capacità della carnosina di zinco di stabilizzare la mucosa gastrica e promuoverne la riparazione.

Un altro studio del 2017 ha analizzato la carnosina di zinco in combinazione con un trattamento antibiotico per l’infezione da H. Pylori. Ha mostrato che il tasso di eradicazione è migliorato e che gli individui hanno avuto meno reazioni negative all’antibiotico.

Zenzero

Lo zenzero viene spesso utilizzato per migliorare il processo digestivo. Nove diverse sostanze sono state trovate all’interno dello zenzero che stimolano i recettori della serotonina nell’intestino, il che fornisce alti benefici al sistema gastrointestinale.

La stimolazione di questi recettori della serotonina migliora la motilità gastrica e aiuta a ridurre l’infiammazione correlata allo stomaco. Inoltre, lo zenzero ha potenti benefici contro la nausea, il che è molto utile per le persone con ulcere allo stomaco, in quanto è una lamentela molto comune.

È stato scoperto che lo zenzero ha un effetto gastroprotettivo, poiché equilibra i succhi digestivi, migliora la funzione digestiva e sopprime i batteri di Helicobacter Pylori.

Curcuma

La curcuma è una spezia spesso usata nell’Asia meridionale. È usata in molti piatti indiani. Il suo forte colore giallo la rende facilmente riconoscibile. La curcumina, che è il principio attivo della curcuma, ha molti benefici, tra cui la riduzione dell’infiammazione e la dilatazione dei vasi sanguigni.

La curcuma previene il danno gastrico di H. pylori e stimola la formazione di muco gastrico proteggendo la mucosa dall’azione di sostanze che la irritano. Tuttavia, un eccessivo consumo di curcuma favorisce pesantemente l’instaurarsi di una elevata quantità di acidi, il ché può anche (al contrario delle aspettative) contribuire in modo diretto all’erosione della parete gastrica o di quella esofagea, causando così esofagite.

Liquirizia

La liquirizia è un’erba potente che è stata utilizzata per migliaia di anni in varie culture per aiutare le persone affette da fenomeni di indigestione e ulcere. La liquirizia aiuta a stimolare il rilascio di secretina che migliora la produzione del muco nello stomaco. Questo gli conferisce le sue caratteristiche demulcenti (cioè che lenisce e allevia l’irritazione delle mucose). Questo è il motivo per cui la liquirizia è tanto venerata per il suo impiego nella gastrite, perché aiuta a proteggere e curare il rivestimento gastrico.

L-glutammina

L-glutammina è un aminoacido fondamentale per il corretto funzionamento dell’apparato digerente e del sistema immunitario. È un combustibile primario, non solo per una sana membrana digestiva, ma anche per la ricrescita e la riparazione del rivestimento mucoso.

La L-glutammina può aiutare a proteggere lo stomaco dai batteri H. pylori ma può anche ridurre l’infiammazione e i danni causati dall’uso dei FANS.

Probiotici

I probiotici sono “batteri amici” che promuovono la salute dell’apparato digerente. I probiotici stimolano la produzione di muco gastrico non acido che funge da protettore.

I probiotici aiutano anche nell’assorbimento dei nutrienti che promuovono la guarigione delle ferite. I probiotici svolgono anche un ruolo nella prevenzione delle infezioni da H. pylori e altri batteri nemici che colonizzano spesso l’intestino, come il Clostridium.

Metilsulfonilmetano

È stato dimostrato che i composti dello zolfo nelle verdure fermentate, come il kimchi o i crauti, possono fornire benefici alle persone con gastrite proteggendo e sostenendo la barriera mucosa nel tratto digestivo. Il metilsulfonilmetano può rappresentare un integratore alla base di una strategia utile per ridurre l’infiammazione e l’autoimmunità.

Le ulcere causate da un eccesso di acido gastrico possono essere talvolta invertite (se naturalmente di dimensioni minuscole) con il MSM. Questo composto aiuta a ridurre i sintomi nei pazienti che soffrono di disturbi digestivi associati a un’elevata produzione di acido gastrico.

Cosa è la gastrite e quali sono le cause

La gastrite è un’infiammazione della mucosa gastrica, un effetto collaterale comune dell’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei oltre che una condizione indipendente dall’assunzione dei farmaci. Potresti aver sentito che i FANS bloccano un enzima nel corpo chiamato COX-2, causando l’arresto dell’infiammazione e del dolore. Vero, ma bloccano anche l’enzima COX-1, il che non va bene.

Questo perché il COX-1 protegge il delicato rivestimento dello stomaco e di altre parti dell’apparato digerente. Nel tempo, possono verificarsi condizioni come la gastrite acuta e, alla fine, possono svilupparsi ulcere o malattie peggiori se questo enzima viene bloccato continuamente durante l’assunzione di FANS.

La gastrite può insorgere con sintomi ben marcati (gastrite acuta) o può svilupparsi gradualmente nel tempo (gastrite cronica). Spesso uno stato di gastrite è corrispondente (anche se talvolta confuso) con l’esofagite da reflusso, ossia la condizione in cui il succo gastrico risale nell’esofago e corrode le sue pareti.

La gastrite può anche essere causata da altri fattori, come un elevato consumo di alimenti trasformati, stress, consumo eccessivo di alcol, etc.

La gastrite non è una condizione grave, ma se non viene diagnosticata e trattata in tempo, può diventarlo e portare allo sviluppo di ulcere e malnutrizione.

Sintomi della gastrite

  • Dolore all’addome
  • Distensione gastrica
  • Vomito
  • Cattiva digestione
  • Sensazione di bruciore allo stomaco, specialmente durante il sonno (quindi anche un accenno di esofagite)
  • Perdita di appetito
  • Vomito di sangue

Conclusioni

Mentre il trattamento convenzionale include l’assunzione di antiacidi e inibitori della secrezione acida dello stomaco insieme a cambiamenti nello stile di vita, ci sono alcuni trattamenti fatti in casa che possono aiutarci a evitare l’assunzione di farmaci.

I rimedi elencati devono ovviamente essere approvati da un professionista medico qualora la condizione meriti un approfondimento perché sia davvero dolorosa o assolutamente improvvisa.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.