Patologie

Utero retroverso

utero retroverso img

L’utero retroverso è una variante anatomica di questo organo che si presenta nel 20-30% delle donne. L’orientamento dell’utero nella cavità pelvica è diverso da quello del resto delle donne, che hanno un utero antevertito.

L’utero in retroversione punta verso la parte posteriore anziché in avanti ed è quindi considerato un’anomalia uterina. Tuttavia, questo non è grave, né influisce sulla fertilità delle donne.

L’unico inconveniente dell’utero all’indietro è che può causare un certo disagio in alcune donne, come il dolore nei rapporti sessuali.

L’utero retroverso consiste dunque in un’alterazione della posizione e dell’orientamento dell’utero all’interno del bacino.

Mentre la normale variante dell’utero (in antiversione) è inclinata in avanti, l’utero all’indietro punta verso la colonna vertebrale.

Inoltre, l’utero può anche essere in retroversoflessione: orientato verso la parte posteriore del corpo e inclinato sul retto.

Diagnosi

La diagnosi dell’utero retroverso viene fatta durante un esame ginecologico di routine, di solito la prima volta che la donna si rivolge allo specialista.

Durante un esame pelvico, l’utero in retroversione può essere confuso con una massa analoga a un fibroma. Pertanto, sarà necessaria un’ecografia ad ultrasuoni per determinare la posizione esatta dell’utero.

Gradi di retroversione

A seconda dell’inclinazione dell’utero all’interno del bacino, è possibile differenziare 3 gradi di retroversione.

Considerando che nella variante normale dell’utero, in antiversione, si sporge in avanti e poggia sulla vescica, i gradi di retroversione esistenti sono quelli che andiamo a elencare.

Grado 1

L’utero non è tanto inclinato in avanti e non poggia sulla vescica.

Grado 2

L’utero è in posizione verticale, con la parte inferiore della sacca rivolta verso l’alto.

Grado 3

L’utero è completamente inclinato verso il retto.

Cause

L’utero retroverso è un’alterazione che può essere congenita o acquisita.

Nel primo caso, l’utero acquisisce questa posizione naturalmente durante lo sviluppo fetale nell’utero materno. Pertanto, una donna con l’utero retroverso è già nata con questa anomalia uterina.

D’altra parte, la retroversoflessione uterina può anche essere secondaria. Le cause del suo spostamento saranno dovute a patologie sviluppate nel bacino, come le seguenti:

  • processi infiammatori,
  • endometriosi,
  • malattia infiammatoria pelvica,
  • tumori,
  • chirurgia pelvica,
  • menopausa,
  • aborti.

Occasionalmente, durante la gravidanza si verifica retroversione uterina, ma dopo il primo trimestre l’utero ritorna nella sua posizione normale a causa del peso del feto.

Una retroversione transitoria può anche apparire nella fase postpartum, a causa della distensione dei legamenti del pavimento pelvico.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi, l’utero retroverso è asintomatico. Tuttavia, possiamo considerare alcuni sintomi che sono stati correlati a questa anomalia.

  • Dolore durante l’evacuazione a causa della pressione esercitata dall’utero sul retto.
  • Costipazione cronica per lo stesso motivo di cui sopra.
  • Dolore nei rapporti sessuali a causa della collisione del pene contro la cervice.
  • Sintomi mestruali più intensi.
  • Incontinenza urinaria o ritenzione di urina a seconda dell’interferenza dell’utero con la vescica.

Altri disagi che sono stati descritti nelle donne con utero retroverso, specialmente quando c’è un’altra condizione che lo causa, sono tosse nervosa, irritabilità, disturbi di stomaco, mal di testa, ecc.

Gravidanza e utero retroverso

Innanzitutto, va notato che la fertilità di una donna non è influenzata esclusivamente dall’inclinazione dell’utero. Tuttavia, i fattori associati che causano l’utero retroverso possono avere un’implicazione, come l’endometriosi.

Le donne che hanno retroversione dell’utero possono facilmente rimanere incinte, proprio come qualsiasi donna fertile, e le loro gravidanze si sviluppano senza complicazioni.

Nelle donne che hanno sviluppato questa condizione per una causa acquisita, di solito l’utero corregge la propria posizione durante la gravidanza.

Questa sistemazione dell’utero nel corpo avviene alla fine del primo trimestre di gravidanza.

Se il ginecologo rileva che l’utero non si è stabilizzato nella posizione corretta durante la gravidanza, proverà a facilitare questo percorso attraverso una manipolazione.

Se questa alterazione non viene rilevata e corretta nel tempo, può verificarsi un aborto o un taglio cesareo a causa della posizione errata dell’utero, ma questo evento è comunque molto raro.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.