Fitness

Trazioni alla sbarra, l’esercizio a corpo libero per eccellenza

trazioni sbarra img

Le trazioni alla sbarra, anche chiamate “Pull up” nella versione con la presa prona (palmi delle mani rivolti in avanti) e “Chin up” nella versione a presa supina (palmi rivolti a voi), sono un esercizio di tirata verticale che può essere eseguito a corpo libero o, eventualmente, con l’ausilio di sovraccarichi, tramite apposite cinte o giubbotti zavorrati.

Si tratta di un movimento che rientra negli schemi motori di base (arrampicata).

Esecuzione

L’esercizio consiste nel sollevare il proprio corpo, partendo da una posizione a braccia distese, attaccati con le mani ad una sbarra (o agli anelli). La presa può essere prona, supina o neutra; l’ampiezza della presa è variabile (generalmente poco più ampia delle spalle).
Nella fase concentrica (salita) bisogna portare indietro e verso il basso i gomiti, tenendo addotte le scapole; la discesa deve essere completa, fino a distendere quasi del tutto le braccia, prima di effettuare la ripetizione successiva. Il core deve far si che ci sia il massimo controllo (senza oscillare) e la presa sempre ben salda.

Si può considerare valida una trazione in cui il mento supera la sbarra, in quanto avviene il coinvolgimento dei principali muscoli di tirata oltre a risultare un’esecuzione più sicura e facilmente valutabile (criterio utilizzato anche nelle competizioni).

Errori comuni

Gli errori assolutamente da evitare durante l’esecuzione delle trazioni sono:

  • portare i gomiti verso avanti durante la fase concentrica;
  • “chiudersi” con le spalle (aumento cifosi dorsale);
  • non distendere le braccia durante la fase eccentrica;
  • slanciarsi con le gambe;
  • non arrivare almeno con il mento oltre la sbarra (movimenti incompleti).

Cenni biomeccanici

Le trazioni, oltre che in ottica performance, vengono utilizzate anche per allenare i muscoli della schiena (dorso), ma partecipano al movimento anche altri muscoli.

Articolazioni interessate

Analizzando il movimento, le trazioni prevedono:

  • Adduzione ed estensione del braccio (omero);
  • Flessione dell’avambraccio (ulna e radio);
  • Abbassamento e adduzione scapolare.

Quindi le articolazioni che consentono l’esecuzione sono quella di spalla e gomito.

Muscoli coinvolti

Dall’analisi del movimento, ne deriva che i muscoli principalmente coinvolti nella meccanica dell’esercizio risultano essere:

  • Gran dorsale;
  • Grande rotondo;
  • Bicipite brachiale.

Partecipano anche il trapezio, il pettorale, il tricipite brachiale (come stabilizzatore), il deltoide posteriore, gli elevatori della scapola.

Varianti

Pull up vs Chin up

In entrambi i casi il muscolo target è il gran dorsale, quello che cambia sono i diversi reclutamenti muscolari e gli stress articolari.

Nei pull up, saranno maggiormente interessate le fibre più esterne del gran dorsale, nei chin up saranno più interessate le fibre più basse ed interne.

Chiunque abbia provato i due movimenti in questione, si sarà reso conto che la versione a presa prona dell’esercizio risulta sicuramente più difficile; ciò è dovuto al pre-stiramento maggiore del gran dorsale e non, come erroneamente si pensa, al maggior coinvolgimento dei bicipiti (che seppur vero che intervengono nella completa chiusura della trazione, non sono così forti).

Nonostante questo, le trazioni supine a livello articolare creano dei compensi che apportano stress importanti alle strutture di gomiti, polsi e stabilizzatori della spalla, che nel tempo potrebbero diventare infiammazioni.

Per prevenire infortuni è consigliabile variare la presa (a meno che l’obiettivo non sia migliorare proprio quel determinato gesto atletico), magari inserendo nella routine di allenamento anche le trazioni con la presa neutra (palmi delle mani rivolti l’uno verso l’altro) o agli anelli, che creano un minor stress alle articolazioni interessate.

Kipping pull up

Variante balistica usata nel Crossfit, basata sull’oscillazione del corpo al fine di poter completare un maggior numero di ripetizioni, necessitano di più coordinazione ma il rischio articolare, soprattutto a carico delle spalle, è notevolmente più alto.

Consigli pratici per principianti

Per iniziare ad approcciare alle trazioni alla sbarra il consiglio è quello di partire con l’ausilio degli elastici, piuttosto che utilizzare la lat machine, macinando sempre più ripetizioni possibili e affinando al meglio la tecnica di esecuzione per poi arrivare gradualmente all’esecuzione classica e, perchè no, una volta che si è raggiunti un numero di trazioni consecutive valido (8/10 ripetizioni), provare anche a zavorrare il movimento.

About the author

Stefano

Sono Stefano Orefice, laureato in Scienze Motorie presso l'Università Parthenope di Napoli. Sono un giocatore di pallacanestro semi professionista in attività, Personal Trainer FIPE e Preparatore Fisico FIP. Mi occupo di fitness e di tutto ciò che concerne lo sport e l'allenamento a 360°, passione divenuta poi lavoro grazie agli studi accademici ed all'esperienza acquisita sul campo, lavorando dapprima come istruttore di sala pesi e successivamente come personal trainer e preparatore atletico di squadre giovanili di pallacanestro. Nel tempo libero amo praticare trekking con la fedele compagnia del mio dobermann 'Kaos'.

Ti fidi dei rimedi naturali?

Vuoi conoscere nuovi modi per dimagrire, credi nel potere della natura e vuoi avere informazioni su tutto ciò che riguarda il benessere di corpo e mente?

Lascia la tua e-mail!

Complimenti! Iscrizione avvenuta con successo.